Utente 319XXX
Buona sera, purtroppo mia suocera di 75 anni è entrata con la febbre in ospedale, 10 gg fa, col tempo è salita fino a 40 fino a che ha perso i sensi quasi una settimana fa e non si è più risvegliata. Le han fatto rmn, tac, prelievi del midollo, ecg, continui esami del sangue ed è sempre tutto negativo. Ora è in rianimazione, intubata e sotto antibiotici e antivirali e nessuno riesce a fare una diagnosi della sua situazione. Non ha nessun tipo di reazione se non minima e quasi impercettibile, almeno la febbre è scesa del tutto da due giorni..ma i giorni passano e non ci sono miglioramenti. Possiamo sperare in un suo risveglio?!? Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
probabilmente un' ipotesi diagnostica i nostri Colleghi della Rianimazione l'hanno fatta giacché sua suocera è sotto terapia antibiotica e antivirale, da quello che scrive.
E' indubbio che la febbre, e probabilmente i risultati di alcuni esami emato-chimici fanno propendere per un fatto infettivo che abbia compromesso (temporaneamente?) la funzionalità del sistema nervoso centrale determinando lo stato di coma. Oppure è intervenuto un problema metabolico che possa aver compromesso la funzionalità cerebrale.
Noi non sappiamo inoltre nulla della anamnesi della paziente: condizioni di salute precedenti l'evento, eventuali malattie croniche, terapia domiciliare assunta che possano in qualche modo interferire con le potenzialità di recupero della paziente. Un dato confortante mi sembra la scomparsa della febbre, segno che le terapie somministrate cominciano a fare effetto. Ma per il recupero neurologico, se un danno vi è stato, mi sembra ancora molto prematuro. Qualche segno di reattività se pur impercettibile (come lei afferma) mi sembra di capire che c'è. Aspettiamo ancora fiduciosi che alla fine la situazione si sblocchi anche se una diagnosi di certezza potrebbe non essere mai fatta. Ci faccia sapere comunque l'andamento dei prossimi giorni.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille della sua tempestiva risposta. i Medici stanno facendo terapia antibiotica proprio per prevenire una qualunque infezione perchè purtroppo non sono venuti a capo ancora di nulla. Intanto attendiamo fiduciosi e la terrò aggiornata sugli sviluppi, sperando ce ne siano quanto prima. Ma mi chiedevo...una persona quanto tempo può rimanere in queste condizioni di non reattività e intubata?!? A presto e grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buongiorno, per quanto riguarda la condizione neurologica non ci sono dei limiti precisi: anche molto tempo. Come saprà esistono condizioni di coma vigile ad esempio come nello stato vegetativo persistente anche di anni. Ma non è il caso di sua suocera. Ciò che preoccupa in un paziente in Terapia Intensiva sono le complicanze di qualsiasi tipo che possono insorgere durante un ricovero: sia legate alla patologia per cui è li, sia complicanze improvvise di qualsiasi origine. Per quanto riguarda l'intubazione essa invece deve avere una durata temporanea (dipende un po dalle abitudini del Reparto) e, rendendosi ancora necessaria una ventilazione invasiva con respiratore automatico, allora è indispensabile tracheostomizzare i pazienti per evitare successive complicazioni. Lei però non mi ha detto se comunque la tengono anche sedata con farmaci perché un coma farmacologico ovviamente rende poco reattivo un paziente. Inoltre è stato eseguito un elettroencefalogramma? Quale eventualmente il referto? E i referti della RMN cerebrale cosa dicono con precisione? Senza questi elementi non si possono neanche azzardare ipotesi diagnostiche ne fare previsioni in una situazione così delicata oltre al fatto di non sapere ancora nulla sulle pregresse condizioni di salute generali di sua suocera ed eventuali terapie assunte.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno Dottore, grazie per la sua attenzione. La paziente in questione è stata sedata soltanto il primo giorno di ricovero in terapia intensiva, dopodichè han deciso di non sedarla più proprio per vedere una sua qualsiasi reazione. Prima del suo ricovero in rianimazione era stata per diversi giorni in neurologia dove le han fatto rmn, tac ed elettroencefalogramma; io purtroppo i termini tecnici non li ricordo ma i medici han detto di non aver riscontrato nulla da tutti questi esami. Di patologie particolari non ne ha, tranne quella di prendere una pastiglia per il cuore avendo avuto un infarto più di dieci anni fa... ma continuano a dirci che il cuore funziona bene, come anche polmoni e reni. Il sangue non ha esami sballati e nemmeno le colture. L'unica cosa che è migliorata è il fatto che non ha più la febbre, e se chiamata ripetutamente apre gli occhi per poi richiuderli subito e fa qualche piccolo cenno con la testa di si o no se le fai delle domande. Se le si chiede però di muovere o stringere una mano non ne è in grado. Ci dicono di dover aspettare che reagisca all'effetto degli antibiotici quindi almeno 7-10 gg, che però sembrano interminabili e dopo 4 giorni di ricovero dicono di non vedere nessun progresso. Io sono convinta che se le parlo lei mi senta, ma non c'è un modo per aiutarla a reagire?! non so cosa pensare... ma potrebbe anche non risvegliarsi?! Grazie mille dottore e buona giornata
[#5] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, una buona notizia lei l'ha appena data. Se sua suocera accenna, con movimenti del capo, a rispondere appropriatamente a semplici domande con un "si" o un "no" vuol dire che in realtà il grado di coscienza e di relazione con l'esterno c'è, e come. Poi ovviamente si riassopisce perchè ancora il problema non è risolto e l'evento acuto neurologico si è verificato da troppo poco tempo. Purtroppo, come penso già detto, quando un danno encefalico vi è stato i tempi di recupero sono molto lunghi. Indipendentemente dalla causa, non sono tanto gli antibiotici a dover fare effetto (la febbre non c'è più...) ma è il recupero delle piene funzioni cerebrali che necessita di tempo. Da qui sinceramente non è possibile ora fare ulteriori previsioni.
Cordialità
[#6] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio infinitamente per la sue risposte...la terrò aggiornata. Buona giornata