Utente 142XXX
Egregi dottori, grazie anticipatamente per la risposta. Ho 34 anni e dal 2008 assumo mezza compressa di lobivon al mattino causa ipertensione arteriosa(148/95).Ho effettuato tutti gli accertamenti possibili ed un day hospital cardiologico che ha escluso motivi organici alla base dell'ipertensione. All'ipertensione e' associato uno stato d'ansia che portava la frequenza cardiaca a valori costanti intorno a 120 bpm. Attualmente i mie valori pressioni si aggirano intorno ai valori di 120/75 ed i battiti sui 70/75 non a riposo e 63/65 disteso a letto.Pratico inoltre nuoto e peso 80 kg(altezza 175 cm) ed eseguo un ecg ed ecocardio ogni anno su consiglio del cardiologo. Mai avuto effetti collaterali come disfunzioni varie per l'assunzione del medicinale.Lo specialista sostiene che è' meglio continuare con piccole dosi di betabloccanti e mantenere valori di questo tipo piuttosto che valori pressori e di battiti non convenzionali. È una procedura giusta? Grazie per la risposta e per la Vs professionalità .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Mi sento di condividere la scelta del collega....
Al momento, vista anche la buona tolleranza al farmaco, oltre ai buoni risultati, è' sicuramente una "procedura" giusta.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la sua disponibilità' . Cordiali saluti