Utente 945XXX
Salve,
mio figlio è allergico all'acaro della polvere per ciò ogni volta che si gratta la pelle reagisce arrossendo e gonfiando la zona grattata (non eccessivamente), mi hanno segnalato che ciò è dovuto a un sovraccarico di istamina,assume antistaminico aerius ogni sera con il quale la reazione viene alleggerita.
La mia domanda è: Può farsi un tatuaggio?L'ago o l'inchiostro possono stimolare a una reazione peggiore o non c'entrano nulla?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Bernardi Di Valserra
20% attività
0% attualità
0% socialità
TRIVOLZIO (PV)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
I coloranti per tatuaggi possono contenere diverse sostanze allergizzanti come cromo e cobalto o addirittura cancerogene, per cui esiste una normativa europea (ResAP(2003)2) che stabilisce l'assenza o i limiti di concentrazione di tali sostanze.
Esistono pertanto rischi di allergie cutanee, sicuramente minori se vengono utilizzate sostanze certificate, ma come ben sappiamo anche minime quantità possono scatenare una reazione allegica cutanea in soggetti sensibilizzati.
Comunque, vale sempre la pena di valutare l'opportunità di tatuarsi in un soggetto predisposto ad allergie.