Utente 255XXX
ho 20 anni e mi succede ancora ora che vengo dopo poco tempo... poi dopo un po di volte duro di piu.. però al ''primo colpo'' duro pochissimo.. cosa dovrei fare? tempo fa usavo delle pastiglie tipo ansiolitici che mi ha prescritto il dottore per combattere questa cosa... ma nn hanno funzionato... aiutatemi..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Igino Intermite
24% attività
12% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
A 21 anni può permettersi di masturbarsi prima del rapporto. In ogni caso se vuole una diagnosi precisa merita una visita ed alcuni esami ematici e colturali.
[#2] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
la circoncisione potrebbe aiutare? il mio medico di base è molto superficiale e non mi potrebbe dare un buon consiglio dal mio punto di vista.. cosa potrei fare?
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo alle risposte del Collega.

L'eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, per inquadrare bene l'etiologia che contribuisce alla sua e.p.
Consideri che lei è molto giovane e quindi anche il suo controllo eiaculatorio lo è.

Vi sono svariati tipi di e.p:
anteportas
intrapostas( fuori o dentro l'ambiente vaginale)
primaria( detta long life)
secondaria
assoluta
situazionale.
Sarebbe opportuno conoscere lo IELT( tempo di latenza eiaculatoria intravaginale) e le emozioni associate alla sfera della sessualità e della sua dimensione di coppia, per effettuare una diagnosi differenziale.

L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psico-sessuologico, psicoterapia, terapia di coppia ad orientamento sessuologico, trattamento integrato (farmacoterapia e terapia mansionale), farmaco on de mand( cioè al bisogno, sempre somministrato dall'andrologo).
Un lavoro mirato e soprattutto completo, adatto alla sua storia clinica e sessuale, diventa la strada per la risoluzione della disfunzione, le pillole senza clinico e soprattutto protocollo terapeutico, sono solo dei rimedi sintomatici.

Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.


Per ogni disfunzione sessuale inoltre, dobbiamo analizzare:
i fattori predisponenti, fattori precipitanti ed i fattori mantenenti , più la “storia del disturbo .

Si rivolga con fiducia ad un andrologo, poi si stabilirà il da farsi, le allego qualche lettura sull'e,p.

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1190/Eaiculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3220/Eiaculazione-precoce