Utente 308XXX
Verso febbraio 2012 avverto una sensazione di fastidio all asta del pene a sinistra dopo una masturbazione , vado in bagno e urino poco con sensazione di voglia di urinare dando colpa alla masturbazione e credendo di essere infiammato non faccio caso a nulla. Qualche giorno dopo una sera sento un forte pizzico come avessi chiuso il pene nella cerniera dei pantaloni il pizzico e' nello stesso punto alla sinistra dell asta poi passa e non mi preoccupo , passano giorni e mi inizio a preoccupare perché questa sensazione di dolore muscolare misto a bruciorino nell asta non va , vado da un primo urologo che palpa il pene e mi chiede se ho deviazioni Dell asta io rispondo di no allora mi dice che non e' nulla mi fa fare un ecografia che mi indica un varicocele di III grado , per il resto niente , passa altri 15 giorni e il dolore che va e viene non passa vado da un altro urologo che referta: asta nei limiti , con meato uretrale pervio . Non dolore alla palpazione dei corpi cavernosi che non denunciano la presenza di placche.dirimi di volume normale , non dolenti alla palpazione e non interessati da tumefazioni grossolane , epididimi francamente dolenti alla palpazione , eco : normale ecogramma dei corpi cavernosi , in assenza di significativi ed ecorilevabili ispessimenti del rivestimento albugineo , a carico del corpo cavernoso di sx , al suo 1/3 prossimale si distingue la presenza di microcalcificazione mm 3 alonata come per processo infiammatorio periferico . Conclusioni quadro clinico e strumentale suggestivo per processo epidemico . Varicocele sx di III grado , minuta calcificazione verosimilmente post traumatica a carico della radice del corpocavernoso sinistro .
Eseguire spermicultura , assuma volfast per 7 gg 2 capsule al di .
Ad oggi ancora ho quel leggero bruciore o dolore muscolare specialmente se esagero con l attività sessuale come se avessi il pene sempre affaticato , l ultima eco lo fatta in data 17/07/2013 sempre stessa microcalcificazione attualmente non associata ad alone ipoecogeno periferico .
La mia domanda avrò sempre questa sensazione all asta ? Puo peggiorare? Si tratta di ipp?
Ho 37 anni e penso in continuazione a questo problema

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la diagnosi differenziale si fa fra fibrosi primaria (rara), fibrosi post trauma e peyronie (più frequente). Spero che le eco siano state fatte con iniezione intracavernosa di prostaglandina o altro vasodilatatore, in altro modo ha poco significato.
[#2] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
Salve , l eco e' basale , l urologo non vede motivo per fare quella con inizieone e la ritiene pericolosa .
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non direi che è pericolasa. E' routinaria, in ogni caso allora bisogna palpare l' asta del pene e su quella base si fa diagnosi.
[#4] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
La palpazione non ha riscontrato placche .
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Strano che non ha riscontrato placche, per lo meno la calcificazione dovrebbe sentirsi in ogni caso le possibilità son o quelle indicate. Di più non so di qua.