Utente 319XXX
Salve. Una settimana fa, ho iniziato a praticare ciclismo su strada. Non lo avevo mai praticato prima d'ora, dunque non sono abituata. Purtroppo da quel giorno, mi sento le mani come addormentate. La sensibilità c'è, nel senso che sono capace di distinguere una cosa ruvida o liscia ecc. La mano non è completamente addormentata, nemmeno le dita. Sono solo coinvolte le ultime due dita di ciascuna mano e il palmo. Il mio medico di base crede che sia l'asfalto, che mi abbia provocato un po' di cervicale, ma è già più di una settimana che sono in queste condizioni. Ho anche un po' le dita indolenzite. Può esser stata veramente la strada o il manubrio troppo ruvido della bicicletta? O altro?
[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Probabilmente l'attività prolungata in bicicletta con la caratteristica postura del ciclista ha prodotto l'irritazione delle radici nervose cervicali. Sarebbe quindi utile associare l'attività ciclistica con una adeguata preparazione fisica generale e con esercizi di stretching personalizzati. In caso di persistenza della sintomatologia sarà utile un approfondimento con esami radiologici ed elettrodiagnostici. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
319747

dal 2013
Grazie per la sua risposta. Se fosse un problema dovuto all'irritazione delle radici nervose cervicali, non c'è una cura? Se il problema dovesse accentuarsi ancora di più, è un grande rischio? Cordiali saluti.