Utente 314XXX
buongiorno. ho 18 anni e il medico, in seguito a forti dolori addominali, qualche linea di febbre e nausea ha detto che potrei avere l'appendice infiammata. Inizialmente mi aveva diagnosticato la sindrome del colon irritato e nonostante le mie 2 settimane di dieta il dolore non è diminuito. Oggi devo andare a fare l'ecografia addominale. Nel caso sia confermata la diagnosi dell'appendice infiammata l'unica soluzione è operarla per asportarla? e quanto può durare la degenza in seguito a una simile operazione? grazie in anticipo per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
qualora la diagnosi venisse confermata, il trattamento chirurgico è fortemente raccomandato.
Il trattamento conservativo (antibiotici, antiinfiammatori, dieta) riesce in alcuni casi a controllare (talvolta solo a "coprire" in maniera insidiosa) una fase di acuzie, ma nella maggior parte dei casi non può ottenere la definitva remissione di una affezione, che potrebbe ripresentarsi imprevedibilmente in qualunque momento.
La degenza postoperatoria allo stato attuale, in assenza di imprevisti e per forme non complicate, è relativamente breve (48-36 ore)
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Grazie dr.Piscitelli è stato gentilissimo. Solo un'altra domanda...l'intervento come si svolgerebbe? in anestesia totale?
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
L'intervento viene condotto in anestesia generale e può avvalersi di metodica tradizionale o videolaparoscopica.
[#4] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
la ringrazio. buona giornata.