Utente 248XXX
buonasera, è ormai un anno esatto che puntualmente ogni 2/3 mesi mi compare un forte dolore circoscritto all'ombelico che dura qualche giorno fin quando da esso non fuoriesce pus misto a sangue. dal momenfo in cui "spurga" il dolore scompare gradatamente.
la prima volta (un anno fa quindi) sono andata al pronto soccorso prima che uscisse il pus. mi hanno rimandato a casa con diagnosi "infezione alle vie urinarie" e antibiotico da prendere. il mattino dopo ho trovato la sorpresa sulla magliett del pigiama..aveva spurgato molto. mi sono un po' spaventata, sono andata subito dalla mia dottoressa che mi dice che forse è un piccolo ascesso e di andare in un altro ps con un foglio scritto da lei. qui mi medicano per bene mi dicono che si, forse era un ascesso ma di star tranquilla, continuare a prendere antibiotico e tenere l'ombelico pulito. per circa 4 mesi non ho avuto piú problemi ma poi...è ricomparsa e da quel momento il problema torna ogni 2/3 mesi, è capitato anche un mese di fil all'altro. sono andata da un chirurgo che ha diagnosticato onfalite, prescritto antibiotici e consigliato di pulire spesso l'ombelico (cosa che tra l'altro faccio sempre, soprattutto dalla comparsa dei primi sintomi un anno fa). ho fatto un'ecografia completa dell'addome su richiesta della dottoressa ma non si nota nulla di anomalo.
oggi i sintomi sono ricomparsi e io mi sono stufata, non posso continuare a prendere antibiotici su antibiotici, stare a casa in malattia quelle volte che il dolore è troppo forte..
cosa devo fare ancora? vedere un altro chirugo? fare una nuova ecografia?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se il problema si ripete con frequenza potrebbe trattarsi di un residuo dell'uraco ovvero di una comunicazione tra vescica e ombelico che dopo la nascita non si è obliterato. Pertanto sarebbe consigliabile una visita chirurgica per valutare l'opportunità di un intervento risolutivo.