Utente 169XXX
Egregi medici ,
avevo postato la presente su urologia , in quanto iniziava da li il calvario... ma adesso devo ricorrere al vostro cortese aiuto

ecografia apparato urinario e prostata:

paziente sottoposto ad intervento di nefrectomia destra per neoplasia renale.
in atto nella loggia renale destra formazione espansiva solida disomogenea , irregolarmente ovalare, a contorni bozzoluti, di circa 5 cm sospetta recidiva locoregionale.
inoltre nello strato muscolare profondo della parete addominale quadrante superiore esterno dx dell'addome in corrispondenza del reperto palpatorio si apprezza una formazione nodulare ovaliforme solida disomogenea vascolarizzata all'integrazione doppler di circa 4.5*2.5 cm che detremina bozzolatura sul profilo epatico sottostante senza interessarlo, compatibile in prima ipotesi con lesione ripetitiva.

mio padre (63 anni) e' stato operato il 3 marzo e l'esame istologico evidenziava la natura sarcomatoide del tumore.
ieri e' tornato a Roma dove e' stato sottoposto a risonanza magnetica della quale purtroppo non ho il referto a portata di mano ma che comunque esclude al momento metastasi.
l'urologo che lo ha operato ( prof. franco di silverio ) ha richiesto un consulto oncologico da cui scaturisce necessita' di ciclo di chemioterapia per ridurre le formazioni e poi rioperare.
ho letto che il tumore renale sarcomatoide e' terribile.
vorrei sapere, gentili medici se la chemioterapia da risposte o se e' ( odio dirlo ) un modo per allungare la sopravvivenza.
non so che fare....
in attesa cordiali saluti.
simona.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
L'istotipo non è dei migliori e ove possibile l'inseguimento chirurgico (coadiuvato da altri trattamenti) potrebbe essere una buona opzione anche in funzione dell'età giovane di suo padre.
[#2] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Cara Simona,

certamente si tratta di una neoplasia di non facile trattabilità. Concordo con il Collega circa l'opportunità di "inseguire" la malattia chirurgicamente qualora possibile. In chemioterapia è possibile impiegare farmaci di vecchia generazione quali vinblastina, interleuchina 2, interferone oppure i più recenti inibitori delle tirosina chinasi (sorafenib e sunitinib). Tra gli ulteriori trattamenti coadiuvanti si potrebbe considerare l'ipertermia o la radioterapia (consultando ovviamente un collega radioterapista circa l'opportunità di trattamento).

Sempre a disposizione, cordiali saluti

Carlo Pastore
[#3] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2006
Mio padre ha iniziato la chemio con cisplatino e farmarobucina.
pensate che vada bene?
mi sento molto scoraggiata.
grazie.
[#4] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
SONO DEI FARMACI STANDARD PER IL SARCOMA, QUINDI DOVREBBE FUNZIONARE.
L'USO DELLE ANTRACICLINE SEMBRA DARE QUALCHE VANTAGGIO IN PIù NEL TRATTAMENTO DI QUESTA VARIANTE ISTOLOGICA.
[#5] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2006
Leggendo su internet , ho scoperto che all'humanitas c'e' il Dott. Quagliuolo che si occupa di chirurgia dei sarcomi.
Sapreste darmi notizie?
Io mi scuso per l'assillo .. ma non voglio lasciare mio padre a fare chemio che da quello che vedo e mi sento di dire e' una terpia palliativa.
[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il dott. Vittorio Quagliuolo, è responsabile della Sezione di Chirurgia dei Sarcomi dell’Unità Operativa di Chirurgia Oncologica di Humanitas, diretta dal dott. Roberto Doci, e responsabile del Panel dei Chirurghi Generali dell’Italian Sarcoma Group.

Un altro centro dei sarcomi, in riferimento a Milano, si trova presso l'Istituto dei Tumori di via Venezian.

Cordiali saluti


[#7] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno ,
dopo essere stata a Milano dal dott. Quagliulo e a Palermo dal Prof Agoastara , ho trovato una scuola del nord e quella del sud in perfetto accordo sulla possibilita' ( anzi la definiscono necessita') di passare al farmaco sutent o sunitibin ( e' sempre lo stesso farmaco no?).
Ho letto pero' che causa gravi danni cardiaci ... ma tralasciando questo , vorrei sapere se realmente ha degli effetti positivi e soprattutto se ne ha verso questo tumore cosi' aggressivo.
Sempre grata.
Simona.
[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Quale risposta potremmo darle dopo che Lei ha consultato i responsabili di due centri dei sarcomi e hanno dato la medesima risposta ?

Più consulti chiede più dubbi nascono.

Faccia una scelta, in questo caso facile, e la percorra senza esituazioni !
[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Quale risposta potremmo darle dopo che Lei ha consultato i responsabili di due centri dei sarcomi e hanno dato la medesima risposta ?

Più consulti chiede più dubbi nascono.

Faccia una scelta, in questo caso facile, e la percorra senza esituazioni !
[#10] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2006
Vi chiedo perdono ma dalle ultime notizie , apprendo che il farmaco sutent non da risultati sull'istotipo di mio padre che Vi ricordo " carcinoma sarcomatoide " .
Io credo che si tratti meramente di un problema invece burocratico e cioe' che nella fattispecie il medico che lo ha in cura non puo' richiedere questo farmaco all'asl.
In attesa....Simona.
[#11] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Non credo che si tratti di un problema burocratico, anzi lo escludo.
Si può richiedere il farmaco tramite sito AIFA dai centri di oncologia.
[#12] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2006

Mi scuso ma rieccomi:
oggi mio padre ha effettuato una ecografia che rispetto alla precedente di seguito

paziente sottoposto ad intervento di nefrectomia destra per neoplasia renale.
in atto nella loggia renale destra formazione espansiva solida disomogenea , irregolarmente ovalare, a contorni bozzoluti, di circa 5 cm sospetta recidiva locoregionale.
inoltre nello strato muscolare profondo della parete addominale quadrante superiore esterno dx dell'addome in corrispondenza del reperto palpatorio si apprezza una formazione nodulare ovaliforme solida disomogenea vascolarizzata all'integrazione doppler di circa 4.5*2.5 cm che determina bozzolatura sul profilo epatico sottostante senza interessarlo, compatibile in prima ipotesi con lesione ripetitiva.

OGGI VEDE I NODULI RISPETTIVAMENTE DI : 5.5 CM E 5 X 3 CM

nonostante la chemio sono aumentati ... secondo il mio ignorante parere, 5 mm in 15 gg sono tanti.
Voi cosa mi dite?
Grazie
Simona.
[#13] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2006
Cari medici,
in seguito al fallimento della chemioterapia , mio padre
Ha intrapreso cura con SUTENT ed oggi quasi alla fine del 2° ciclo : riduzione di entrambe le masse . In pratica la prima e' adesso di 4cm e l'altra di 3 cm.
Mio padre , ha chiamato il suo urologo di fiducia che ha stroncato ogni sua aspettativa : " NON SI ILLUDA , LEI E' INOPERABILE "
Desisero sapere da Voi, se questi che a me sembrano progressi , siano invece pura illusione.
Cordiali saluti.
Simona.