Utente 260XXX
Salve,

sono un ragazzo di 26 con diagnosi di ansia a causa di problematiche legate a extrasistolia, tachiacardia ed episodi di aritmia oltre a reflusso gastroesofageo e colite. Sta migliorando la mia situazione grazie a varie terapie tra cui quella psicologica tuttavia rimangono manifesti alcuni episodi di ipocondria che solo un medico puo aiutarmi a placare.

questa mattina, in un momento di serenità (apparente), ho avuto 4\5 extrasistoli nel giro di 10 minuti ed in seguito ho iniziato a spaventarmi, a sentirmi spossato ed intontito e ciò ha aumentato la mia appresnsione per la cosa visto che te tempo fa,un medico al pronto soccorso mi disse che nel caso di 2 extrasistoli in 20 venuti sarei dovuto ripresentarmi.

tuttora continuo a sentire qualche piccola extrasistole o comunque un fastidio a livello del battito cardiaco.

io ho fatto nell'ultimo anno sia ecocardiogramma che holter che ha registrato 2 eventi ventricolari VEB e 82 eventi sopraventricolari SVEB, oltre a numerosi ecg.

Dunque vorrei avere una risposta sul perchè di questo evento accadutomi questa mattina, sul perchè quel medico mi disse così ed ovviamente qualche rassicurazione.

vi ringrazio anticipatamente per il servizio che fornite che trovo davvero utile

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non condivido affetto quanto è stato detto dal collega del PS.....Oltretutto le sue extrasistoli sono numericamente insignificanti. Non è l'extrasistolia che deve curare, ma l'ansia e anche se non è facile stabilire se "nasce prima l'uovo o la gallina" nel suo caso direi che l'ansia la fà da padrona e l'extrasistolia l'incrementa (sono sicuro che sarebbe ansioso anche senza avvertire le extrasistoli, magari solo per un banale risentimento toracico). Per questo non deve rivolgersi a noi cardiologi, ma ad un bravo psicologo.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la pronta risposta e le chiedo una precisazione.. nell'attesa di continuare a curare ansia ed ipocondria come mi devo relazionare con l'attività sportiva? questi episodi che mi capitano ogni tanto (una volta ad esempio mi sono svegliato con il cuore che batteva in maniera totalmente irregolare,e si percepiva molto forte sotto la clavicola, ma ovviamente parlandone col medico mi ha confermato come non ci fosse patologia alcuna) possono risultare pericolosi od indebolire il muscolo cardiaco?

oppure posso giocare a calcio tranquillamente anche qualora mi capitasse un episodio del genere poichè non esiste alcunche di patologico?

mi scuso se approfitto della vs cortesia e la ringrazio nuovamente