Utente 320XXX
Buona sera sono una ragazza di 24 anni.. no cardiopatie
il 26 aprile ho avuto un episodio di cardiopalmo molto forte dopo 4 ore
mi reco al pronto soccorso,episodio di sincope, diagnosi flutter atriale condotto 1:1 fc 260
richiesta cardioversione(3 tentativi fino a 200j con comparsa di FA ) RISTABILITO RITMO SINUSALE..
RICOVERO PER 6 GIORNI CON STUDIO ELETROFISIOLOGICO E ABLAZIONE EFFICACE dell'istimo ct
Le mie domande sono: possibilita di recidive con un flutter cosi?e per eventuale FA?sinceramente sono scossa da questo evento..
la degenza e stata lunga,tachcardie frequenti,episodi di crisi ipertensive..risolte spontaneamente dopo un mese..
l'unico disturbo sono tachicardie spesso giornaliere...dall'holter fatto e risultato tachicardia sinusale diurna FC 160...
NON HO MAI SOFFERTO DI QUESTI PROBLEMI PRIMA DELL'EPISODIO DI FLUTTER... SI RISTABILIRA LA SITUAZIONE...
O DOVRO CONVIVERE CON QUESTI PICCOLI DISTURBI...
CORDIALI SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L ablazione del flutter atriale solitamente e' coronata da successo; in una percentuale di casi tuttavia puo' recidivare, se non si e' riusciti ad ablare tutti i fasci accessori.
Per cio che concerne la tachicardia di solito questa risponde bene alla terapia farmacologica.
Arrivederci