Utente 361XXX
Salve Dottori è da un pò di tempo, dopo essermi operato di varicocele ad entrambi i testicoli, l'operazione risale a febbraio, che accuso lievi dolori di tipo muscolare all'inguine destro, infatti se premo sotto la ferita sento un lieve dolore, sembra che prenda anche la gamba, non ho chiamato il dottore che mi ha operato perchè il dolore non è atroce ma ora che sono passati un pò di mesi mi sto iniziando a preoccupare. Secondo voi è normale che ci siano ancora questi dolori? Aggiungo che alla parte sinistra non accuso nessun dolore.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la cosa più importante é che non abbia nessun problema all'emilato relativo alla varicocelectomia.Quanto ai dolori inguino scrotali destri,penserei ad un risentimento pubalgico o a delle microtorsioni testicolari legate al riflesso cremasterico che tende a far risalire il funicolo spermatico, che sottende il testicolo, nel
canale inguinale.Per tutto ciò si faccia visitare dal chirurgo operatore.Cordialità
[#2] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2007
mi scusi Dottore può essere più chiaro, cosa intende per emilato relativo alla varicocelectomia, in più c'è da preoccuparsi?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...significa lato sinistro.Ho spiegato che non c'é da preoccuparsi ma se avverte un problema é chiaro che va affrontato.Cordialità.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
siamo a giugno. Lei è stato operato a Febbraio. Credo sia trascorso troppo tempo dalla procedura chirurgica per considerare "normale" avere ancora sintomatologia dolorosa ricollegabile agli interventi. Ammesso e non concesso che di questo si tratti. A tale proposito, la visita clinica dal Collega Chirurgo Operatore è fondamentale per capire l'origine del dolore che Lei accusa. Fermo restando che siamo già nei tempi idonei per effettuare i controlli clinici, di laboratorio e strumentali di routine dopo intervento correttivo di varicocele. Iniziamo con il capire se i varicoceli sono stati correttamenti trattati. Vediamo lo stato della Sua fertilità dopo intervento. E poi ne discuteremo ancora se lo vorrà. Ma Le consiglio di approfondire la questione.
Mi tenga ancora informato se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2007
Grazie Dottore dei suoi consigli, sapevo già di dover effettuare analisi inerenti al caso, ma solo dopo 7/8 mesi dopo l'operazione, così mi ha indicato il Dottore, comunque ci tengo a sottolineare che il dolore non è forte, ma è lieve e lo avverto qualche volta. Sicuramente avvertirò il Dottore per metterlo al corrente della questione. Grazie.
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
personalmente sottopongo il paziente a controllo del liquido seminale una prima volta dopo 3 mesi e una seconda volta dopo 6 mesi dall'intervento di varicocelectomia. Con le medesime scadenze controllo, mediante ecocolordoppler dei vasi spermatici, la correttezza dell'intervento effettuato. Poi il ritmo dei controlli cambiano, aggiungo delle terapie di supporto e seguo il paziente costantemente negli anni successivi.
Prevenire sorprese è meglio che curare patologie.
Questo calendario è quello applicato negli USA, il paese che ha la più alta percentuale di richieste di risarcimnento danni dopo intervento per varicocele, indipendentemente dalla tacnica adoperata.
Tenete presente che la correzione di un varicocele non può riportare indietro l'orologio biologico, ma può solamente stabilizzare e "fotografare" si spera per sempre la situazione presente al momento dell'intervento.
Nella mia personale esperienza, tuttavia, ho sempre notato la possibilità, dopo intervento, di un variabile miglioramento del numero degli spermatozoi, e soprattutto della loro mobilità e della loro morfologia. Cosa direi determinante ai fini della definizione dello stato di fertilità.
Auguri affettuosi per tutto.
Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO