Utente 217XXX
Salve.
Premetto che ho gia' letto alcuni post in merito a eventuali problematiche relative all'astinenza sessuale. Mi sono fatto una vaga idea. Nel mio caso specifico, ho 35 anni, sono single, non ho rapporti da un paio d'anni con alcuna donna e ho deciso di praticare l'astinenza per motivi religiosi. Il mio massimo periodo di astinenza masturbatoria e' stato di 3 mesi, intervallato a meta' da una polluzione notturna. Allo scadere quasi dei 3 mesi, ho iniziato ad avvertire un leggero fastidio subito sotto lo stomaco sulla destra, quasi come se avessi una pietra appoggiata proprio in quella parte del mio corpo e in piu' avevo quasi sempre la sensazione di dovere urinare, anche appena terminato, come se dovessi riurinare. Mi sono lasciato andare alla masturbazione e tutto e' passato. Vi chiedo: masturbarsi almeno una volta al mese (anche ripetutamente) puo' alleviare queste problematiche o se fatto cosi' tipo "prescrizione" e' controindicato?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
può alleviare e non ha controindicazioni.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta. Mi spiega come mai, dopo un periodo prolungato di astinenza il colore dello sperma e' giallognolo anche dopo una ripetuta masturbazione?
Leggendo tra le tante situazioni a rischio, ho letto di una presunta insorgenza di infertilita' maschile. C'e' qualcosa di vero? Lo sperma dovrebbe essere sempre di colore bianco per stare tranquilli che tutto e' ok?
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
salvo quando lo sperma è rosso indicando la presenza di sangue,
il colore dello sperma non ha attinenza con nulla per la sua normale variabilità.
cordialmente