Utente 191XXX
Buongiorno,
Dal 2002 ho iniziato ad assumere un vaccino sublinguale per le graminacee (staloral 300) e, dopo qualche anno ho avuto qualche miglioramento; essendo allergico ad altre piante, nel 2006 mi e' stato prescritto un ulteriore vaccino (ambrosia-assenzio). Ho assunto per circa 2 anni entrambi i vaccini, e nel 2008 ho sospeso quello alle graminacee.
Ultimamente, noto che le reazioni allergiche, nei mesi di maggio-giugno, (relativi alle graminacee) sono leggermente aumentate, e quelle dei mesi settembre-ottobre (relative all'ambrosia), sono praticamente assenti.
Eseguo annualmente dei test allergologici (spirometria, provocazione nasale, esami del sangue) e l'allergologa che mi segue, dice di continuare con la somministrazione del vaccino dell'ambrosia;
Secondo lei, come devo interpretare i sintomi che avverto nei mesi di maggio-giugno? A suo avviso, e' corretto l'approccio con cui sta operando la specialista?
Mi faccia sapere
Grazie
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
capirà che non è possibile giudicare l'operato di una collega senza conoscere il caso nel dettaglio.
In linea generale si potrebbe pensare che il peggioramento dei sintomi primaverili sia attribuibile a un esaurimento dell'effetto dell'immunoterapia per graminacee, ma con i limiti connessi al confronto on-line il rischio di errore diventa davvero insostenibile.
Pertanto, se ha dubbi sul trattamento in atto, Le conviene sentire una seconda (e quanto più affidabile possibile) opinione "reale".
Saluti,