Utente 320XXX
Salve, mi rivolgo a voi in seguito ad alcune problematiche che sto riscontrando dopo un intervento di circoncisione parziale. Sono stato operato in data 29 agosto 2013 per frenulo corto e fimosi. Mi è stata praticata una circoncisione parziale. Successivamente mi è stato detto di effettuare delle manovre per scoprire il glande e medicare, manovre che purtroppo non sono riuscito a svolgere poichè un giorno dopo l'intervento un punto ha ceduto causandomi un grande edema con conseguente dolore molto intenso. In reparto mi è stato detto che avrei potuto sospendere le manovre e lasciar guarire la ferita. Mi è stato detto di utilizzare gentalin beta e fitostimoline. Alle varie visite i medici che mi hanno visitato hanno detto che l'operazione era andata bene. Ad oggi i punti sono quasi caduti tutti e la ferita sembra guarita ma c'è un grande problema. La fimosi sembra essersi ripresentata e l'anello pare assai più stretto rispetto a prima dell'intervento. Ho cercato di tirare la pelle del prepuzio per ore ma senza successo, se insisto avverto dolore. La situazione mi sembra tragica, a stento riesco a vedere l'apertura uretrale e ho difficoltà persino per urinare. Attendo vostre indicazioni. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
considerate le problematiche verificatesi per il momento è necessario attendere che il quadro si stabilizzi ulteriormente sino a completa guarigione.
Comunque non disperi se il problema persiste potrebbe essere necessario fare semplicemente qualche ritocco ma ripeto a guarigione avvenuta.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

uno dei rischi legati alla effettuazione di una circoncisione "parziale" è lo stabilirsi di un cercine cicatriziale che può riproporre il restringimento fimotico con disappunto e delusione da parte del paziente che deve farsi operare nuovamente. In genere non può nemmeno essere considerato un "errore" chirurgico.
40 anni fa il mio Primario mi diceva di fare sempre circoncisioni totali complete, proprio per evitare situazioni simili a quella da lei descritta,
Come vede le cose legate alla esperienza non cambiano1
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 320XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per le risposte, purtroppo nessuno dei medici che mi ha operato mi ha informato dei pro e i contro dei due tipi di circoncisione, sto apprendendo tutto dopo l'intervento. Tuttavia non vorrei circoncidermi totalmente, desidero risolvere questa situazione mantenendo la crconcisione parziale. Dottor Scalese, quanto tempo serve per giungere ad una guarigione completa? I ritocchi di cui parla sono sempre da svolgersi in sala operatoria? Nel frattempo consigliate l'utilizzo di qualche crema per elasticizzare e ammorbidire il tessuto?
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
La rivalutazione del tutto andrebbe fatta a 3 mesi sempre che non ci siano particolari problemi che possono emergere solo da una attenta valutazione del risultato chirurgico.

In tale fase può essere utile l'utilizzo di creme idratanti che comunque devono essere prescritte dal suo medico.