Utente 300XXX
Salve Dottori,
sono una ragazza di 18 anni e circa 4 mesi fa ho iniziato ad avvertire per la prima volta degli acufeni. In seguito a varie ricerche effettuate su internet ho scoperto la corretta denominazione del mio sintomo: Acufene pulsante. Ovvero avverto "il battito cardiaco" nell'orecchio destro,sempre e solo in quello. Direi quindi che è un disturbo monolaterale. Ne ho parlato con la mia dottoressa,la quale non ha dato peso a questo mio disturbo tanto meno prescritto visite accurate; c'è però da aggiungere che tempo prima avevo disturbi all'orecchio sinistro,nel quale sempre la mia dottoressa ha riscontrato un tappo di cerume e mi ha consigliato di applicare della cerulisina,da ignorante in materia credo che ciò non sia correlato con il disturbo che avverto adesso. Sbaglio? Comunque, avverto quest'acufene maggiormente di notte,ovvero mi capita di svegliarmi per andare in bagno e quando torno a letto le sento,ma durano si e no 10 secondi. Le sento sempre più spesso,e da qualche tempo anche di giorno. Ho letto si possa trattare di ipertensione,ma credo sia abbastanza improbabile vista la mia età,anche perchè essendo molto attenta alla mia salute,la controllo periodicamente e non ho mai avuto esiti negativi. Sono una ragazza abbastanza ansiosa,e anche questo disturbo mi mette abbastanza ansia,soprattutto per il fatto di non sapere da cosa possa dipendere. Aggiungo in ultimo che sono quasi anemica,ho il ferro molto basso. Può c'entrare qualcosa? Andrò sicuramente da qui a breve da uno specialista,nel frattempo mi rivolgo a voi,da cosa può ancora dipendere quest'acufene? Devo preoccuparmi? Vi ringrazio in anticipo per la risposta. Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
283864

Cancellato nel 2015
Gentile Utente,
mi sono permessa di leggere i suoi precedenti consulti al Forum, e devo dire che ho notato un minimo comune multiplo, ovvero l'ansia.
Credo che questo problema potrebbe averle portato delle piccole contratturine muscolari, che potrebbero, solo in parte, giustificare anche la sua cefalea.
Mi creda, l'unica vera diagnosi la farà lo specialista dopo la visita.
Sicuramente l'ansia, lo ripeto, ha un ruolo determinante sul "feeling" dell'acufene.
Per il cerume, bè... in realtà potrebbe minimamente avere un ruolo sul "rimbombo", visto peraltro che a quanto ho capito non è stato rimosso.
Ci tenga al corrente dell'essito della visita,
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 300XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissima dottoressa Grillo,la ringrazio di cuore per la sua risposta. Non posso di certo negare il fatto di essere una ragazza abbastanza ansiosa ( forse sarà l'età). Quando parla di piccole contratturine muscolari a cosa si riferisce nello specifico? E se così fosse cosa sarebbe necessario fare affinchè la situazione si ristabilisse? In questi giorni però,ho notato mentre mi struccavo,che passando col dito sul trago,sento un dolore abbastanza intenso,e per di più poco fa,mentre ero sdriata sul divano ho provato per qualche minuto una sensazione di bruciore. La visita la farò al più presto e la informerò sull'esito. Cordiali Saluti
[#3] dopo  
283864

Cancellato nel 2015
Carissima,
in realtà i soggetti ansiosi sono più soggetti a delle piccole contratture muscolari, che talvolta sono delle somatizzazioni.
Sono sicura che lo Specialista dirimerà la questione, anzi, la invito a parlarci dell'esito della sua prossima visita.
Cordialmente,
[#4] dopo  
Utente 300XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissima dottoressa Grillo,con un pò di ritardo volevo informarla dell'esito delle visite effettuate. Il cerume dell'orecchio sinistro mi è stato rimosso e per quanto riguarda l'acufene che avvertivo e che tutt'ora avverto all'orecchio destro,mi è stato consigliato un esame audiometrico e impedenzometria il quale esito è stato positivo,non sono state riscontrate anomalie a riguardo. Il dottore che ha eseguito la rimozione del tappo però,quando gli ho esposto il problema "acufene" ha voluto controllare la mia occlusione mandibolare e si è accorto che "scricchiola"(sapevo fosse così,ma ignoravo il fatto che potesse dipendere da ciò il mio problema),per cui mi ha consigliato di farmi vedere dal mio dentista ed eventualmente procedere con l'acquisto del byte. Inoltre mi ha detto che la malocclusione mandibolare può provocare anche il mal di testa. Lei cosa ne pensa? Il problema persiste e non so più cosa fare.Procederò con la visita odontoiatrica e le farò sapere. Cordiali Saluti