Utente 321XXX
Gentili dottori buonasera.Sapendo di avere una forte allergia all'augmentin infatti da quando lo scorso anno subìì un grave schock anafilattico sono stato a fare un test orale per un antibiotico alternativo.E così mi hanno fatto assumere una pastiglia Veclam da 250 .Ora che ho la febbre mi chiedo se devo tornare a fare ancora il test oppure una pasticca è sufficente per determinare un eventuale allergia così da poterne assumere altre ( più di una )tranquillamente senza paura ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
la storia clinica che riferisce pone controindicazione assoluta all'assunzione dei soli antibiotici betalattamici. In teoria dovrebbe avere eseguito qualche accertamento per definire meglio il problema riguardante i betalattamici.
Non c'è bisogno di ripetere il test di tolleranza orale per antibiotico alternativo.
Può pertanto riutilizzare il farmaco già tollerato con lo stesso rischio atteso per la popolazione generale.
Allo stesso modo - se e solo se gli elementi anamnestici riguardanti le reazioni a farmaci si esauriscono nell'anafilassi da amoxicillina+clavulanato - può assumere gli altri macrolidi e gli antibiotici di altre classi (esclusi, ripeto, i betalattamici).
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
Egr Dott Francesco Marchi innanzitutto grazie per la risposta. Soltanto il problema che mi ponevo ( avendolo già letto su siti di allergologia ) che anche con i macrolidi 1 pasticca non basta per determinare un'allergia. Anche dopo la seconda terza somministrazione possono esserci seri pericoli? Se fosse vero mi chiedevo se potrei rischiare uno Shock anafilattico o al massimo un' orticaria o rash cutaneo, cosa ne pensa?
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Non so che cosa abbia letto e dove, e che cosa possa aver capito.
Il test di tolleranza orale serve a dimostrare che non si è allergici al farmaco utilizzato per il test nel momento in cui il test viene eseguito.
L'assunzione di una compressa (nel Suo caso 250 mg di claritromicina) è ampiamente sufficiente per tale scopo.
Non è possibile sapere se in futuro svilupperà una sensibilizzazione alla claritromicina; si sa che il nel Suo caso il rischio verso la claritromicina è lo stesso di qualsiasi altra persona che non abbia mai avuto reazioni alla claritromicina (quindi particolarmente basso).
Saluti,