Utente 321XXX
Buonasera,
sono un ragazzo di 24 anni. Da qualche giorno mi sono accorto di una cosa. Misurandomi la frequenza cardiaca a riposo(disteso sul letto) essa scende fino ai 50 bpm, arrivando a circa 80 bpm in posizione eretta. Inoltre ho l'impressione che la mia frequenza non aumenti come dovrebbe durante lo sforzo fermandosi intorno ai 150-155 battiti dopo aver salito 5 piani di scale(o dopo aver fatto un corsetta per un 30 di sec in salita). Premetto che sono fermo da giugno con la palestra(dove tra l'altro mi alleno facendo corpo libero), e che trascorro una vita abbastanza sedentaria. Inoltre, come penso si evinca anche dal messaggio sono un tipo ansioso, e ho eseguito diversi esami cardiologici negli ultimi anni
- ecg qualche settimana fa normale
- holter eseguito 2 anni fa con fc media di 76, minima 45 e massima 137, 103 ev ventricolari con 2 episodi di bigeminismo. battiti sopraventricolari 107 con 2 run SV.
- ecg sotto sforzo di 4 anni fa interrotto al 5 stadio con fc massima di 185 senza aritmie o segni di ischemia.
sono diversi giorni che a queste mie paure si accompagnano dolori tipo fitte al petto e sensazione di mancanza d'aria. Alla luce degli esami fatti(anche se qualcuno è un pò vecchio) posso stare tranquillo?

Grazie in anticipo per la risposta(e per la pazienza)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non vedo motivi di preoccupazione per cio' che riguarda i valori fi frequenza.
Vedo motivo di preoccupazione, se i dati che lei ha inserito fossero corretti, nel suo peso, considerando la sua giovane eta'
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la celere risposta. Per quando riguarda il peso ho già intrapreso una dieta da qualche giorno unita di nuovo all'attività fisica in palestra(corpo libero). Da qualche giorno però la mia frequenza è aumentata. la mattina quando mi sveglio è bassa come mio solito, appena faccio un qualche sforzo anche lieve aumenta e non torna più al valore "mattutino", restando sugli 80 da seduto e raggiungendo quasi i 100 solo stando in piedi(restando poi su questi valori per tutta la giornata). Può essere anche questo solo dovuto al mio perenne stato ansioso??

P.S. in questi giorni ho eseguito anche un eco che già avevo prenotato giusto per completare il ciclo degli esami e anch'esso è risultato perfettamente normale
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Nin vedo pertanto motivo di preoccupazione
Si tranquillizzi
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille ancora per la celere risposta e mi dispiace dover ricorrere nuovamente al sito. Ieri pomeriggio mi sono sentito male con sudorazione, dispnea,, senso di costrizione al collo(questo solo per qualche minuto), tremore alla gambe e dolore alle braccia (soprattutto nella parte interna dell'avambraccio), a volte il dolore arrivava alla schiena, alla mandibola e sotto l'ascella sinistra. Il dolore al braccio era abbastanza forte ma andava e veniva. quando non presente restava comunque un senso di indolenzimento. Mi sono recato in ospedale dove mi fanno ecg ed enzimi cardiaci(la sintomatologia era iniziata con piccoli dolori intorno alle 3 per poi acutizzarsi intorno alle 4; l'ecg e gli enzimi mi sono stati effettuati intorno alle 6). Entrambi gli esami sono risultati più che normali. Nell'attesa degli enzimi mi hanno dato plasil 1 fiala nella fisiologica come lavaggio e i dolori si sono un pò affievoliti per poi tornare di nuovo ieri sera dopo mangiato e prima di andare a letto dove si sono ripresentati di nuovo questi dolori soprattutto agli avambracci interni.
Stamattina da quando mi sono svegliato il problema si è ripresentato anche se un pò più affievolito con questo dolore che mi prende per lo più a livello degli avambracci, sx ma anche dx nella parte interna, e la solita sensazione di fiato corto. Il dolore sembra essere perenne soprattutto dopo uno sforzo come una camminata(potrebbe essere solo suggestione questa) ma comunque finora è stato sempre presente, alternando magari un braccio e poi l'altro anche se ci sono state volte in cui era presente su entrambi. stamattina ho ripetuto l'ecg per sicurezza e non è emerso nulla. Oggi ho preso anche 15 gocce di valium ma i dolori non passano e neanche questa agitazione perenne. almeno per quanto riguarda il cuore visti i due ecg e gli enzimi posso stare tranquillo??

Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gli ECG ripetutamente negativi, ed anche la curva enziamtica negativa devono tranquillizzarla.
Deto questo esegua una prova da sforzo ed ovviamente stia attento a non incrementare i fattori di rischio con altri fattori (fumo, ipercolesterolemia, etc etc)
Arrivederci
[#6] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
grazie ancora per la risposta. Ho effettuato la prova da sforzo e nonostante vedendo il tracciato sia un pò ondulante(ovvero soprattutto le precordiali si saranno mosse durante lo sforzo quindi il tracciato nn è perfettamente sulla stessa linea), il cardiologo ha ritenuto buona la prova. Il risultato dice. prova da sforzo massimale negativa per segni e sintomi di ischemia miocardica. F:C massima raggiunta è stata 185((94 %) dopo 11 minuti con una pressione di 180/90. Sul referto non è stato messo lo stadio di bruce raggiunto ma nella tabella affianco alla frequenza massima c'è scritto carico 4 a 13.5 Mets. Nessun segno di Bev o altre alterazioni del tracciato.
Dopo 1.40 min dalla fine dello sforzo la frequenza era scesa a 155.
Alla luce di questo posso finalmente stare tranquillo, soprattutto per la mia attività sportiva in palestra?

*per quanto riguarda i fattori di rischio non c'è familiarità per morti improvvise in famiglie anche se mio padre ha avuto un attacco ischemico quest'anno fortunatamente senza conseguenze(58 anni) risolto solo con terapia farmacologica senza bisogno di stent. Nonni paterni o materni o altri episodi in famiglia prima di 60-70 anni non ce ne sono stati. Trigliceridi e hdl sono sempre stati buoni mentre il colesterolo totale alcune volte è uscito un pò oltre i 200( dovrei ripetere però questo esame perchè l'ultimo risale a qualche anno). Non soffro di diabete non fumo e non bevo quasi mai(può capitare al massimo un bicchierino il sabato sera).

Grazie mille per la disponibilità
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Puo' stare tranquillo.
arrivederci
cecchini
[#8] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
grazie mille per la risposta. Dato che sono un soggetto ansioso lo psichiatra che mi segue mi ha prescritto xanax 0.5 a compresse da prendere 2 volte al giorno ormai da martedì. Da quando sto assumendo il farmaco mi è capitato occasionalmente di misurare la frequenza cardiaca, nelle stesse condizioni(seduto, poco dopo sveglio) mi capitava alcuni giorni di averla sugli 80, altri giorni sui 60(se non qualcosina in meno). Nelle varie occasioni non mi sembrava di essere particolarmente ansioso. Volevo sapere se era normale avere queste oscillazioni anche da un giorno all'altro(giorni con bradicardia soprattutto quando sto disteso e giorni in cui il battito è più alto) e se in generale quel tipo di farmaco va ad abbassare la frequenza o nonostante il farmaco è tutta una questione di "testa"(ieri sera ad esempio tornato da un torneo con la normale agitazione, leggermente tachicardico sui 100 da seduto, anche se ho assunto la compressa appena tornato la mia frequenza ci ha messo diverso tempo a tornare a valori di base)

Grazie mille per l'immensa pazienza e mi scuso per la domanda forse già risposta in parte.