Utente 321XXX
Salve, sono un giocatore di pallamano e vi scrivo per avere un consulto sull'esito di una recente risonanza magnetica effettuata a seguito di un'infortunio del IV dito della mano destra. L'infortunio è avvenuto a fine aprile 2013 e l'esame è stato effettuato il 29 luglio 2013.
Riporto di seguito il suddetto referto:
"L'esame ha messo in evidenza in corrispondenza dell'articolazione interfalangea prossimale del IV dito, un ispessimento e disomogeneità del segnale dei legamenti collaterali radiale ed ulnare, in particolare il radiale, da sofferenza-imbibizione ed edematosa delle loro fibre. Concomita uno sfumato edema dei tessuti molli circostanti. In corrispondenza dell'articolazione interfalangea prossimale si rileva inoltre una sottile falda fluida tra l'estremità distale della falange prossimale ed il tendine flessore. Normali per morfologia ed intensità del segnale le restanti strutture tendinee e legamentose esaminate che non mostrano definite immagini riferibili a lesioni. Non aspetti di sofferenza osteo-cartilaginea a carico delle restanti strutture ossee esaminate".
Premesso che per me tutto ciò è arabo, volevo sapere se sarebbe il caso di sottoporsi ad un intervento chirurgico o meno.
Grazie per la cortese attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

assolutamente no.

Non ci sono lesioni tali da giustificarlo, ma in ogni caso va fatta una valutazione funzionale da parte dello specialista, per vedere se ci sono eventuali lassita' articolari residue.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
Gent.mo Dott. Leccese, innanzitutto la ringrazio infinitamente per il suo consulto. Ciò che ho notato e che residua dall'incidente, è un leggero gonfiore e una discreta difficoltà nel chiudere completamente il suddetto IV dito per stringere, ad esempio, degli oggetti. Provando a forzare per chiuderlo completamente, sento un fastidio o leggero dolore. Si tratta della c.d. lassità articolare?
Esiste un rimedio per recuperare il movimento completo del dito?
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il gonfiore è abbastanza normale in questi traumi e di norma persiste per alcuni mesi.


La limitazione funzionale è una diretta conseguenza, ma è importante fare la kinesiterapia passiva e attiva per evitare la rigidità articolare.

Il dolore che avverte è dovuto alla cicatrice interna e alla rigidità.

La lassità la può valutare solo lo specialista con apposite manovre sul dito.
[#4] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
Grazie infinite!
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.