Utente 309XXX
Salve, non è la prima volta che vi scrivo riguardo questo problema ma vorrei chiarimenti alla luce degli sviluppi che la questione ha avuto.
Nonostante la mia giovane età è da un anno quasi che soffro di deficit erettivo, le mie erezioni sono deboli, comprese quelle mattutine, non raggiungono mai un certo vigore e quando con difficoltà viene raggiunto la durata di questa piena rigidità è di pochissimi secondi. Ho fatto un dosaggio ormonale che però esclude problemi legati agli ormoni. Non sono un fumatore, un diabetico, un bevitore. Ho sempre avuto erezioni normali e durature prima di questo problema. Sono andato da un andrologo che dopo avermi visto un paio di volte mi ha consigliato di assumere "Tradamix" per un mese. Dopo la prima settimana devo dire di aver avuto dei miglioramenti e andando avanti, dopo 15 giorni , l'erezione riusciva a essere durevole e molto più rigida del solito, come non mi capitava ormai da tempo. Finita la cura, 32 giorni, ho smesso di assumere Tradamix (sia perchè mi era stato indicato un solo mese e sia perchè ha un costo notevole, 44€ per 16 compresse). I primi giorni l'erezione continuava a essere buona (con mia soddisfazione) ma è scemata giorno dopo giorno e adesso sono punto e da capo. L'erezione è di nuovo difficoltosa e la rigidità è debole.
Se il Tradamix non è un "viagra" o affini, ma è soltanto un integratore.. quale può essere il problema? Può essere dovuto a questioni anatomiche, vascolari o cosa? Sono molto giovane (25 anni), può l'erezione tornare naturale? Può essere un problema passeggero? Grazie in anticipo a chi mi risponderà!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Alla sua età se gode di buona salute è difficile pensare ad un problema anatomico o vascolare. L'ausilio del farmaco spesso può determinare un effetto psicologico tipo placebo, nel senso che quando non lo assumo o non ce l'ho a portata di mano il problema si ripresenta. In genere il suo è un evento transitorio di durata imprevedibile. Si risenta con il suo andrologo per definire la strategia da continuare considerato che comunque anche se con l'aiuto faramcologico ci sono stati dei transitori miglioramenti.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo al Dr Sacalese nella risposta.
La visita andrologica sembra avere escluso cause organiche, ma solitamente le cause psichiche e l' ansia correlata alla disfunzione sessuale, non vengono escluse automaticamente

A volte è “ la paura della paura”, che porta il paziente alla dipendenza psicologica dal farmaco ed a non valutare la possibilità di una sospensione, soprattutto nei pazienti giovani, che non hanno memoria corporea di pregressi successi sessuali.

Le allego qualche lettura ed un canale salute sul deficit erettivo





http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologica-dalla-terapia-orale-per-il-deficit-erettivo
http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
[#3] dopo  
Utente 309XXX

Iscritto dal 2013
Innanzitutto grazie ad entrambi. Mi chiedo quanto può essere lungo un eventro transitorio. La mia salute è buona, ho solo 2 piccoli problemi, uno è un varicocele (primo grado a dx e secondo grado a sx) per cui dovrò tornare dopo spermiogramma dall'andrologo, l'altro è un dolore alla schiena (specie dopo aver tenuto per un pò di tempo posizioni scomode, come vicino ad un lavandino per sciacquare delle cose o lavare i denti o dopo esser stato seduto molto tempo) dovuto a una protusione discale L5- S1, ma hanno escluso che questo possa essere il problema o almeno il mio andrologo non ci ha dato peso, quindi credo non sia significativo. Quindi voi credete che le cause siano principalmente psichiche?
Questo farmaco che ho usato è realmente utile al mio problema o è stato solo e soltanto un effetto psicologico? Grazie mille, come sempre gentilissimi
[#4] dopo  
Utente 309XXX

Iscritto dal 2013
Grazie anche per gli articoli che la dottoressa mi ha sottoposto, li ho trovati davvero interessanti. Spero sia davvero "solo" una questione psicologica. La mente a volte può diventare il nostro primo nemico..
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

tranquillo e visto che si sta dedicando a letture mirate allora le indico anche i miei articoli su queste tematiche:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html ,

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 309XXX

Iscritto dal 2013
Grazie a tutti.
Ma la mancanza di erezioni mattutine può avere cause psicologiche? Anche se temo che il problema non sia psicologico.. sento che il mio pene manca proprio della forza per irrigidirsi e quando ci riesce è impossibile trattenere la rigidità, anche in situazioni molto eccitanti o nell'autoerotismo. Più passa il tempo e più temo che non avrò più erezioni normali..
[#7] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Concentrare la mente sull'organo in questo caso il pene può contribuire ad aumetare a ridurre l'autostima e ridurre la fiducia in se stessi a portare a termine un rapporto sessuale soddisfacente. Cerchi di vivere la sua sessualità con maggiore serenità, rilassatezza e fiducia.
La mancata percezione delle erezioni notturne non può essere presa in considerazione nella valutazione della funzionalità erettile, in quanto nella stragrande maggioranza avvengono in più episodi durante il sonno.