Utente 130XXX
Gentili Dottori,

vorrei richiedere un consulto per mia mamma di anni 67. Da qualche mese ha dolore sopra la gamba destra ad altezza inguinale e da un paio di settimane accusa pesantezza e difficoltà nei movimenti alle gambe, soprattutto mentre sale le scale.

Da maggio/giugno assume quotidianamente un farmaco per il colesterolo alto nei cui effetti collaterali sono compresi appunto dolori anche alle gambe. Ha interrotto l'assunzione da 5 giorni e le è stato cambiato tipo di farmaco, tuttavia la situazione è rimasta inalterata.

Circa un mese fa ha effettuato una RM a ginocchio sx e gamba per un dolore conseguente ad una botta. La RM non ha rilevato nulla di anomalo eccetto accumulo d'acqua nel ginocchio per la quale i medici non consigliano alcun tipo di intervento (infiltrazioni ecc.).

Dato questo quadro, vorrei gentilmente un consiglio ed un vostro parere.

Grazie
I più cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una delle possibili ipotesi a distanza, senza visitare la Signora, è una cruralgia che caratteristicamente si manifesta nella regione anteriore e interna della coscia, lungo il decorso del nervo crurale.
Ovviamente è indispensabile una visita neurologica diretta anche per valutare la difficoltà dei movimenti delle gambe.
Se invece il dolore fosse di tipo muscolare ed attribuibile alla statina che assumeva per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, cinque giorni dalla sospensione del farmaco sono insufficienti per la riduzione della sintomatologia dolorosa muscolare (mialgia). In questi casi si potrebbe dosare la CPK nel sangue (è un semplice prelievo).
In ogni caso faccia effettuare una visita neurologica.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dr. Antonio Ferraloro,

grazie per la cortese risposta, il medico di famiglia dopo averla visitata ha attribuito la situazione al farmaco per il colesterolo e le ha prescritto un farmaco per velocizzare la riabilitazione.

Tuttavia le farò effettuare senz'altro una visita neurologica come mi ha consigliato e l'esame della CPK.

Volevo chiederle da cosa potrebbe essere causata la cruralgia e inoltre qualti altri ipotesi si potrebbero fare? Sempre escludendo che non siano le statine a provocare i dolori muscolari.

La ringrazio
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la causa più comune di cruralgia è una discopatia L3-L4, poi ci possono essere anche compressioni sul decorso del nervo da cause urologiche o ginecologiche.
Le ricordo però che questa è solo un'ipotesi a distanza che può essere tranquillamente smentita.

Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno Dottore,

grazie ancora per la risposta, ho prenotato la visita da un neurologo. La terrò informato sull'esito.

Grazie
Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ok, può farmi sapere, se vuole.

Buona giornata
[#6] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Egregio Dottor Ferraloro,

il medico di famiglia dopo averla visitata accuratamente e sentito il parere di un neurologo ha consigliato di fare una TAC e radiografie, questo è il referto della TAC:

Sono stati indagati gli spazi intersomatici del segmento L1-S1

L1-L2: salienza discale più evidente in sede laterale bilateralmente

L2-L3: salienza discale focalizzata in piccola protrusione laterale sinistra

L3-L4: salienza discale focalizzata in piccola protrusione laterale sinistra

L4-L5: salienza discale con piccola ernia mediana che comprime il sacco durale obliterando focalmente lo spazio epiduriale anteriore

L5-S1: salienza discale con minima protrusione mediana

Non alterazioni osteostrutturali focali sospette delle componenti scheletriche indagate

Piccole placche calcifiche dell'aorta addominale

Potrebbe perfavore spiegarmi il significato?

Grazie
Cordiali Saluti
[#7] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottor Ferraloro,

ecco anche il referto delle radiografie:

RX ANCA DESTRA:

Modesti segni di coxartrosi con riduzione della rima articolare ed iniziale sclerosi subcondrale del tetto acetabolare.
Non franche deformità artrosiche né osteofiti.

RX COLONNA LOMBO-SACRALE

Riduzione dello spazio intersomatico L5-S1 con associata alterazione delle articolazioni interapofisiarie posteriori.
Allineamento posteriore conservato.
Immagine calcifica di circa 13mm che si proietta in sede paravertebrale a destra, verosimile calcificazione linfonodale.
Segni di aortosclerosi calcifica.

Grazie
Confido in una sua risposta
Cordiali Saluti
[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

si dovrebbero visionare le immagini per potere dare un parere attendibile, comunque basandosi esclusivamente sul referto, sono state evidenziate una serie di protrusioni (sporgenze del disco intervertebrale) interessanti tutti gli spazi lombo-sacrali. Faccia vedere gli esami ad un neurologo per avere anche una correlazione clinica dei disturbi accusati dalla Mamma.

Cordialità
[#9] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dr. Ferraloro,

grazie ancora per l'ennesima risposta, a riguardo della radiografia invece cosa potrebbe dirmi?

Senz'altro le farò visionare da un neurologo.


Grazie
Cordiali Saluti
[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

anche per quanto riguarda la radiografia resta valida la risposta di sopra.

Cordiali saluti