Utente 708XXX
Buon giorno, ho 26 anni e un problema che cerco di risolvere da 10:ho una malocclusione di III classe (ma non ancora morso inverso) ereditata in famiglia(mio padre e mio nonno hanno lo stesso problema).
Da quando sono bambina ho portato apparecchi mobili di ogni tipo, inizialmente per allargare il palato superiore, poi ho utilizzato dei bites per rilassare la mandibola.
Tre anni fa, a seguito di un incidente, la situazione si è aggravata perchè il condilo mandibolare sinistro con l'urto si è bloccato: a questo punto, dopo una risonanza magnetica, ho fatto un artrocentesi ma senza ottenere risultati soddisfacenti.Dopo aver girato mezza Italia in cerca di una soluzione e dopo essermi sentita dire che un intervento chirurgico di riduzione della mandibola nel mio caso non è necessario, sto portando una serie di bites che servono durante la notte a rilassare la mandibola.
Il problema è questo: nella parte sinistra ho sempre uno schiocco doloroso durante la masticazione e dolore al tatto all'altezza dell'attaccatura superiore dell'articolazione della mandibola, sempre a sinistra.
Cosa posso fare e a chi posso rivolgermi?
Ogni volta che faccio una visita dal chirurgo maxillo facciale dice che con il bite dovrebbe risolversi la questione. La ringrazio per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Filippo Martone
28% attività
0% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
La riabilitazione del suo caso necessita di una valutazione in team: l'odontoiatra, lo specialista di riabilitazione fisica del comparto cranio cervicale ed eventualmente altre figure mediche specificamente valide per la soluzione del suo caso (Specialista Ortognatodontista, altre).
I gruppi di studio della Cochrane Collaboration (organizzazione mondiale non governativa che rivaluta la letteratura scientifica sulla base della medicina basata sull'evidanza) hanno da poco prodotto una valutazione sull'efficacia delle dime occlusali (i famosi bite): si pone in evidenza la necessità di un'approccio più profondo, per la efficacia solo parzialmente dimostrata delle terapie basate solo sull'uso delle dime.
Serve perciò un consulto multidiscipliare, eseguito da una equipe ben rodata data la apparente non seplice interpretazione del suo problema.
COrdiali Saluti.
[#2] dopo  
Utente 708XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la risposta, raccoglierò informazioni al riguardo!
[#3] dopo  
Dr. Filippo Martone
28% attività
0% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Non vè problema, dato che coordino un team simile da più di due lustri.

Cordialmente

Filippo Martone
[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile paziente, lo specialista di riferimento nel suo caso è lo gnatologo.
E' lui che eventualmente, se lo ritiene, provvederà a richiedere consulti chirurgici, ortodontici o altro ancora.

Potrà trovare un elenco di specialisti accreditati nella sua zona fra i soci dell'Associazione Italiana Gnatologia, una delle associazioni scientifiche più accreditate nel campo. www.aignatologia.it .

Cordiali saluti