Utente 820XXX
Gentilissimi Dottori
Premetto di essere una persona ansiosa e sofferente di attacchi di panico ( in cura dallo specialista). Ho 30 anni, 174 cm , 66 kg.
Circa una settimana fa , mentre mi lavavo il pene dopo aver urinato, ho sentito circa ad un cm dal grande e circa al centro del corpo cilindrico del pene , una sorta di pallina all 'apparenza di 7/8 mm. Mi sono spaventato a tal punto di richiedere un consulto ( domenica mattina) ad un urologa ( non il mio "solito") che nonostante la mia richiesta non ha ritenuto opportuno effettuare un ecografia dicendomi che si trattava semplicemente di un linfonodo.
Non contento e da buon ipocondriaco( in questo caso però ci stava) ho contattato il mio urologo di fiducia che dopo l'ecografia ha escluso il linfonodo ma ha parlato di edema da trauma.
Pur avendo una ragazza con la quale ho frequenti rapporti, in quest'ultimo mese sono stati zero per via della mia lontananza per lavoro. Quindi mi sono sempre e solo (questo mese) masturbato ma con la adeguata delicatezza, e neanche tutti i giorni ! ( solo per questioni di tempo altrimenti ne sento proprio il bisogno quotidiano).
Dopo essermi un po' tranquillizzato anche grazie ai farmaci ansiolitici , ho comunque fatto caso che le pseudo erezioni che sono riuscito ad avere dopo questa scoperta , sono dolorose .
Pensandoci bene, anche prima di effettuare la scoperta della pallina , ogni tanto erano dolorose ma non mi sono mai preoccupato più di tanto. Pensandoci ancora meglio negli ultimi mesi ho avuto qualche volta come dei lampi di dolore proprio sull'asta, ma essendo stati sporadici , non mi hanno preoccupato. Ora mi vedo più di là che di qua. O con un pene amputato, deformato o direttamente in cure terminali.
Cosa può essere o perlomeno quali esami mi consigliate?
Ecocolor , risonanza non so .
Il medico mi ha prescritto flaminase per ora. Ma sembra non cambiare nulla dopo 5 giorni. Anzi...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Igino Intermite
24% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Gentile utente , i linfonodi non si trovano nell'asta del pene, la possibilità di una placca è la cosa più concreta. Deve eseguire un eco-color-doppler penieno dinamico, sulla base del quale poi si deciderà cosa fare
[#2] dopo  
Utente 820XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottore per la celere risposta.
potrebbe anche essere realmente in edema dovuto a un trauma? Una semplice infiammazione? O è difficile !?
Sono un po' spaventato , a 30 anni vedo compromesso il mio futuro sessuale.
[#3] dopo  
Utente 820XXX

Iscritto dal 2008
Dottore, in caso fosse una placca, quali sono o possono essere le conseguenze nel peggiore e migliore dei casi, e quali i trattamenti se esistono ( se esistono)?
Si può vivere una vita sessuale normale?
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Igino Intermite
24% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Nel caso fosse una placca le ipotesi sono 3: rimane stabile nel tempo, progredisce o regredisce. In ogni caso si possono valutare strategie terapeutiche qualora le venisse confermata la diagnosi