Utente 322XXX
Gentile dottore,

sono stato sottoposto ad angiotac all'aorta addominale a seguito di un infarto intestinale che mi è stato diagnosticato 10 anni fa e che necessita quindi di controlli periodici data la mia giovane età e a causa della predisposizione alla formazione di trombi (ho la mutazione del V Leiden scoperto a seguito di un esame genetico). Il risultato dell'esame nucleare è stato abbastanza buono se non fosse per la presenza di piccole calcificazioni alla prostata. Premetto di non avere nessun dolore e nessun problema durante i vari rapporti sessuali, però, nonostante ciò da ignorante in materia mi sono recato dal mio medico generico il quale mi ha subito prescritto una serie di esami che ho eseguito e che sono l'oggetto del mio consulto. I risultati degli questi esami in questione sono i seguenti, (tra parentesi trova i valori ritenuti normali dal centro analisi):

TAMPONE URETRALE: streptococco beta-emolitico di gruppo B

Ricerca chlamydia Trachomatis: Assente

Mycoplasma hominis - ureplasma - ureayuticum: Assente

ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE

Data raccolta : 27/09/2013
Ora: 10.05
Giorni astinenza: 5
Tipo di campione: Esibito

Aspetto: Opalescente
Liquefazione: Normale
Viscosità dopo 20 minuti: Normale
Volume: 1.2 (dovrebbe essere > 2.0 ml)
Ph: 8 (6.1 - 10)

Numero spermatozoi: 15800000 (dovrebbe essere > 20 Mil/ml)
Leucociti: Alcuni
Cellule epiteliali: Assenti
Agglutinazioni: Assenti
Pseudo Agglutinazioni: Assenti

TIPO DI MOTILITA: motilità non progressiva

Spermatozoi (%): 30 ( dovrebbe essere > 50%)
Dopo 1 ora: 25
Dopo 2 ore: 20
Dopo 3 ore: 15

Swilling Test: 40 ( in soggetti normospermici gli spermatozoi rigonfi sono uguali o > al 60%)

MORFOLOGIA
Forme normali % : 50 (>30%)
Forme anormali % 50
Cellula linea germinale % : zero

GIUDIZIO CONCLUSIVO: OLIGOASTENOZOOSPERMIA

SPERMIOCOLTURA

Esame colturale: Negativo
Ricerca miceti: Negativo
Ricerca Trchomonas: Negativo

ESAMI DEL SANGUE:

PSA antigene prostatico (chemiluminescenza): 0.54 (> 4.0)
PSA FREE: 0.25 (0.05 - 0.25)
PSA RATIO: 0.48 (>0.20)

Alla luce di questi risultati io le volevo porle alcune domande:

1) dal tampone uretrale è risultata la presenza dello streptococco, in cosa consiste? Come lo si può eliminare?Potrebbe essere la causa dello sballo ti tutti i risultati di queste analisi?

2) Cosa si intende per motilità non progressiva? E' la base per un'infertilità futura? E' necessario che mi sottoponga già da adesso a terapie mirate e specifiche?

3) Che esami consiglia a riguardo??

Fiducioso in una sua risposta e delucidazione in merito la saluto

f.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le consiglio di consultare un esperto andrologo che ponendo una diagnosi rigorosa,eviti di soffermarsi su numeri e percentuali che,ancorche' non corretti,in quanto risultanti da un esame non ben eseguito,non esprimono che un valore statistico del potenziale di fertilita'.Ci aggiorni dopo la diagnosi andrologica,se ritiene.Cordialita'.
[#2] dopo  


dal 2015
Mi scusi se sono inopportuno ma come fa a dire che l 'esame non è stato ben eseguito?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'esame non rispetta i criteri consigliati dal WHO 2010.Comunque,la diagnosi e la prognosi sulla fertilità non si pongono con lo spermiorgramma,bensì con una visita ed anamnesi accurate e con eventuali esami ematochimici e strumentali.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,
in linea di massima un esame clinico è fatto bene o è fatto male a prescindere dai riferimenti a cui si attiene il laboratorio.
Il suo esame seminale mostra alterazioni del numero e della motilitò degli spermatozoi che dovrebbero essere ri-verificati o smentiti da almeno un altro esame. E' chiaro che la sua storia medica con accertamenti vari, interventi chirurgici complessi potrebbe aver determinato uno stato di sofferenza del suo sistema riproduttivo per cui mi sembra opportuno il consiglio che le da il dottor Izzo, cioè di farsi seguire da uno specialista andrologo che possa valutare bene il suo problema. Non cerchi di fare diagnosi e terapie da solo!
cari saluti