Utente 322XXX
Buonasera,

le chiedo un consulto i merito ad un problema di extrasistole al cuore.
Ho 40 anni, ho una figlia di 6 anni, lavoro a tempo pieno ed una vita abbastanza frenetica.
Da quando avevo circa 20 soffro di extrasistole a periodi, sono molto ansiosa, ho sofferto di attacchi di panico e nel 2012 ho avuto una sindrome ansioso depressiva molto forte.
Nel periodo che ha preceduto questa sindrome ho avuto per due mesi continuamente extrasistole tutto il giorno. Ho fatto esame olter che ha diagnosticato la presenza di battiti sovraventricolari anticipati.
Poi le extrasistole nel periodo culmine della sindomre sono scomparse.
Mi sono curata andando da una psicologa e con terapia CRM Reac Terapia ed ho risolto il problema, nonostante rimarrò sempre una persona ansiosa.
Ora le scrivo perchè ho iniziato a fare attività fisica e durante l'attività le extrasistole compaiono insistentemente e sono molto forti.
Io mi sapvento molto.
Ne ho parlato con il medico ma lui dice che dipendono dall'ansia, ma io non sono convinta e sono molto preoccupata.
Le chiedo se secondo lei queste extrasistole sotto sforzo sono pericolose per la mia vita, e se posso continuare a fare attività fisica.
La ringrazio per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Francesco Vetta
24% attività
4% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2013
Le indagini diagnostiche consigliate nel suo caso sono oltre alla visita cardiologica ed all'ECG di base un ecocardiogramma ed un test ergometrico, per una miglior definizione delle suddette aritmie.
Parallelamente è opportuno, sulla base dell'anamnesi andare a ricercare altre cause della suddetta extrasistolia (disturbi digestivi, alterazioni della funzione tiroidea, alterazioni degli elettroliti, etc)
Cordiali saluti