Utente 322XXX
Buonasera Dottore La prego di rispondermi il prima possibile.Ora le spiego: mio padre ha 61 anni,prende rytmonorm 425 mg due volte al giorno x una tachicardia ventricolare non sostenuta.Ieri è andata a fare un ECD e il Dr gli ha trovato una piccola placca dalla parte sx del collo.Non gli ha dato nessun tipo di farmaco ma ha detto che è 1 cosa da tenere sotto stretto controllo medico.Ora io e mia madre siamo preoccupatissime sicuramente anche x l’ignoranza che abbiamo su questi argomenti.Abbiamo fatto l’errore di andare a documentarci su internet e siamo + spaventate di prima.Vorrei porle + di una domanda e spero Le sia possibile rispondere a tutte: 1) mio padre rischia tanto?Dobbiamo temere x la sua vita?
2)ci siamo accorti di questa placca x caso ma quali sono i fattori di rischio e a che età bisogna fare i controlli?X dire mia madre ha 57 anni ed è in menopausa da 6 mesi,prende i farmaci x l’ipertensione e ha il colesterolo un po’ alto,ora si sta preoccupando anche Lei.
E’ x questo che abbiamo bisogno di maggiori informazioni.La ringrazio fin da ora scusandomi per la mia ignoranza. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Tutte domande che doveva fare al collega che ha eseguito l'indagine...In questo modo non posso rispondere perchè non fornisce dati sufficienti....Posso solo dirle che una placca non ostruttiva (ossia non critica) non và trattata (se non con antiaggreganti piastrinici se ce n'è l'indicazione). Spesso è il risultato di fattori di rischio cardiovascolari non ben controllati (ma questo può saperlo il collega che segue suo padre) che sono tanti e ben conosciuti : ipertensione, fumo di sigaretta, diabete, ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia, sovrappeso, sedentarietà ect etc
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 322XXX

Iscritto dal 2013
Grazie Dottore per avermi risposto. Questo Dottore gli ha solo detto questa frase: "hai una piccola placchetta", tanto che mio padre si è recato dal medico di base per capire che cosa significasse e quesst'ultimo gli ha detto per ora di non prendere nulla dato che si tratta di una piccola placca. Mio padre non fuma e non ha mai fumato però ha il colesterolo che ogni tanto si alza, prendeva pasticche per la pressione per una anno ma da quasi due anni non le prende più e la sua pressione è 130/80 e ha la glicemia sempre un pò altina. Quello che vorrei chiederLe è se c'è modo di sciogliere questa placca o rimane per sempre? Gli antiaggreganti hanno come effetto collaterale l'ulcera gastrica come ha detto il suo medico di base? Grazie di nuovo
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La placca non si può "sciogliere"....
Gli antiaggreganti non hanno come effetto collaterale l'ulcera gastrica (esistono i protettori gastrici per prevenirla e solo nei soggetti predisposti)...
Suo padre deve controllare e bene i valori pressori (utile può essere un Holter pressorio delle 24 h per verificare l'efficacia della terapia osservata), deve stare attento all'alimentazione e tenere sotto controllo i valori di colesterolo e di glicemia (se necessario anche farmacologicamente)...
Un consiglio...Si affidi ad un bravo cardiologo di sua fiducia
Saluti