Utente 323XXX
Buongiorno,

Easattamente 2 mesi fa ho effettuato in Italia un intervento di impiantologia a carico immediato sulla arcata inferiore sinistra (denti n. 37-36-35) con ponte fissato su due impianti. Essendo che abito all' estero per lavoro, il mio dentista non ha potuto seguire il decorso post-operatorio quindi ho duvuto optare per uleriori sedute di pulizia e rimozione dei punti di sutura presso un altro dentista a Londra. Premesso che non ci sono stati problemi nelle settimane successive all' operazione, dopo circa 3 settimane mi sono stati rimossi i punti ma in posizione 37 le due estremita della gengiva non si sono completamente cicatrizzate. Il dentista di Londra mi ha rassicurato dicendo di eseguire dei risciacqui e di tenere la zona molto pulita. Ora a circa un mese dalla rimozione dei punti la parte della ferita non completamente cicatrizzata sembra leggermente piu' ampia (circa 0.5mm) in oltre e possibile vedere l'estremita superiore dell' impianto (in posizione 37) su cui verra avvitato tra 2 mesi abutment e protesi. Non ho nessun tipo di dolore ne infezione ma sono molto preoccupato che questo intervento non abbia successo.

Cordiali saluti,
TD
[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Nel suo caso non si tratta di implantologia a carico immediato in quanto non è stata posizionata la protesi subito dopo l'intervento.
Forse voleva dire implantologia post-estrattiva (impianti posizionati subito dopo aver eseguito le estrazioni):
http://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1475-impianti-immediati-post-estrattivi.html
Dal suo racconto sembrerebbe che si intraveda la vite tappo dell'impianto.
Difficile dire senza un riscontro clinico/radiografico se questo possa influire in qualche modo nella guarigione.
Se l'impianto era stato posizionato un pò sotto il margine osseo come prevede il protocollo degli impianti post-estrattivi il fatto che si intraveda la vite tappo potrebbe star a significare che c'è stata una certa quota di riassorbimento osseo marginale.
Siamo però nel campo delle ipotesi e delle speculazioni. Quello che può fare intanto è disinfettare quel che si vede dell'impianto con un gel alla clorexidina e contattare il dentista che ha eseguito l'intervento che visitandola le dirà come stan procedendo le cose.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La situazione è del tutto normale, questo succede quando le suture non tengono durante la guarigione dell'incisione e la guarigione avviene per seconda intenzione. La sua unica preoccupazione dovrà essere quella di tenere pulita la zona e aspettare con tranquillità la fase della protesizzazione.
Saluti
[#3] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
Gentili Dr. Di Iorio e Dr. Muraca,

Vi ringrazio per la risposta celere. Mi scuso per l'errata descrizione in quanto mi riferivo ad un impianto post-estrattivo.
Come ho accennato, e' il tappo-vite ad essere visibile senza che vi sia un margine sporgente (si vedo solo una porzione di disco metallico). Spero che la rigenerazione ossea proceda al meglio (vi era stata una "cospicua" introduzione di osso bovino da parte del mio dentista). Cercero' di effettuare una radiografia qui a Londra in modo da far analizzare la situazione al mio dentista in Italia. Nel frattempo cerco di tenere la zone pulita anche con utilizzo di cotton fioc. Oltre a prodotti a base di clorexidina sono consigliati dei risciacqui di acqua e sale?

Grazie ancora,

TD


[#4] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
nell'associarmi alle risposte date dai colleghi di non preoccuparsi, le suggerisco di evitare l'uso di acqua e sale, poiché pur essendo un valido antinfettivo tende ad irritare i tessuti gengivali.
Cordiali saluti