Utente 315XXX
Salve, volevo un consulto su un problema che mi spaventa molto ma che il mio medico mi dice di stare tranquilla. Solo a giugno ho scoperto di soffrire della mutazione genetica MHTFR: C677T eterozigote e mi sono spaventata moltissimo fin quando documentandomi, mi sono un pochino tranquillizzata ma a ogni piccolo cambiamento in me mi terrorizzo. Adesso volevo chiedere come mai mi si gonfiano le vene, avverto dolore e bruciore, devo preoccuparmi? Diciamo che quest'estate mi sono allarmata con le vene delle tempie che mi bruciavano e avvertivo dolore, mi sono guardata allo specchio e si erano ingrossate soprattutto la destra e ciò sta accadendo anche adesso. Poi anche nelle gambe avverto dolori e bruciori ma 2 settimane fa ho fatto un ecocolor doppler ed è tutto ok, mi disse il dottore di stare tranquilla, che c'è qualcosa quando fa male solo in un punto, la zona diventa rossa e gonfia, ma ringraziando a Dio ciò non accade. Posso vivere con il terrore che mi scoppi la vena? In oltre ho una vena sul braccio perennemente gonfia da anni, una volta un'infermiera mi ha detto che è una vena traumatizzata, molte volte avverto dolore e fastidio nella zona e gonfia ancora di più.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la possibilità che vene superficiali si rendano maggiormente evidenti e appaiano dilatate puà rappresentare una condizione normale, soprattuto in talune condizioni ambientali (calore, esercizio fisico, ecc.).
Le spiegazioni che Le sono state date sembrerebbero corrette e condivisibili, soprattutto in presenza di un ecocolordoppler negativo.
[#2] dopo  
315621

dal 2015
Anche a riposo succede ciò.
[#3] dopo  
315621

dal 2015
Mi stanno facendo preoccupare, è da sabato che ho la febbre che oscilla dalle 38 alle 39,6 causata da una gravissima tonsillite (infiammata con placche e puss), siccome non riuscivo a bere fino a ieri e quello che mettevo in bocca vomitavo perché mi saliva il catarro, il medico della guardia medica, mi disse di fare le flebo di acqua glucosata ma in nessun modo è riuscita a prendere le vene. Dopo qualche ora a riprovato mia madre e nulla ma poi stanca alle 19 chiamai un amico infermiere che dopo tanto è riuscita a prenderla ma dopo la 3 flebo è andata fuori vena e ho staccato tutto. Oggi la mia dott.ssa mi disse di farne altre 2 e stasera venne un altro infermiere il più bravo che c'è in paese ma non c'è stato verso, o meglio, l'ha presa a primo colpo ma dopo 5 minuti si è rotta la vena, è ritornato ne ha trovate altre ma tutte le stessa fine hanno fatto e si è arreso perché ho le braccia rovinate. Adesso sicuramente mi sarò presa di panico perché se succede qualcosa come faranno a mettermi una flebo? Comunque fatto sta che dopo che si è arreso mi sento debole, strana, ho misurato la pressione ed è a 100 su 65, avevo caldo infatti ho dovuto aprire la finestra. Sia lui che mia madre mi hanno fatto terrorizzare, non beve, non mangia ecc ecc ma secondo loro con una gola che rischiavo una setticemia potevo mai ingoiare? Oggi a colazione ho bevuto un bicchiere di latte, a pranzo ho mangiato una croccola di merluzzo, ho bevuto un 3 4 bicchieri di acqua e un bicchiere di polase, non mi posso riempire che poi vomito perché mi stimolano il catarro. Io ce la metto tutta ma mi sento una pancia gonfissima di acqua. Adesso è normale che nei casi come al mio le vene si riducano a ciò? Non dormo neanche da venerdì notte, da quando è cominciato il dolore forte alla tonsilla dx collegata con l'orecchio e mia madre non mi ha voluto far prendere subito l'antibiotico, sabato poi la febbre a 39,5 deliriavo tra impacchi di acqua fredda e freddo, la notte scorsa appena mi addormentavo saltavo in aria con crisi respiratori o meglio mi si stringeva la gola e non respiravo finchè non mi sedevo, ma l'ho vista brutta. E' normale tutto ciò?
[#4] dopo  
315621

dal 2015
Buona sera,
volevo chiedere una cosa, è da qualche giorno che ho bruciore e dolori tipo fitte nella vene situata internamente della caviglia sx, La caviglia non presenta alcuna alterazione ne di dimensione, ne di colore, è una caviglia normale e anche la vena non fa male se la tocco ma solo ogni tanto questi fastidi che durano qualche minuto ma ripetutamente. Non credo sia nulla di grave che necessita una visita e un ecocolordoppler vero? Se vi era qualche trombo non si gonfiava la caviglia? Soffro di una mutazione genetica MHTFR C677T e sto spesso sul chi va là anche se so che non è nulla di che anzi mi hanno detto che non è neanche definita patologia perché è in eterozigosi. Adesso che ricordo qualche giorno fa mi è caduto qualcosa sull'alluce nell'attacco con il dorso del piede infatti fino ieri non potevo sollevare il dito e se toccavo mi faceva male, può essere un collegamento a ciò?