Utente 323XXX
Salve! Volevo sapere se questo mio "problema" è da classificare come tale o meno.
Ho una vita sessuale attiva e non ho alcun problema particolare,tranne quello legato alla eiaculazione ritardata ( un rapporto dura pure fino a 1 ora e 30 min). Comunque al momento dell'orgasmo in cui fuoriesce il seme è tutto normale,tranne il fatto che devo rallentare la stimolazione a quindi procedere più lentamente altrimenti provo fastidio se si continua a procedere nella stessa velocità in cui avviene il rapporto o la stimolazione. Il rallentamento deve avvenire dal momento in cui fuoriesce il seme altrimenti il fastidio diventa insopportabile. E' da classificare come problema oppure è una cosa naturale e che cambia da soggetto a soggetto? E' facile vedere anche il filmati che nel momento di massimo piacere continuano se non aumentano la velocità.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'atletismo sessuale non giova alla prostata che,notoriamente,produce il liquido seminale...per cui ritengo poco saggia la scelta di ricorrere a rapporti così prolungati nel tempo.Esegua uno spermiogramma con coltura ed un'urinocoltura ma,principalmente,consulti un andrologo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la risposta, farò quanto mi è stato consigliato da lei. Purtroppo l'atletismo sessuale non è una mia scelta, ma una condizione in cui mi trovo. Però non ho capito,se in riferimento al problema principale esposto nel precedente post, se sono affetto da una qualche disfunzione o meno
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non credo che siamo di fronte ad una disfunzione ma,ripeto,far durare troppo un rapporto,non è vantaggioso.Cordialità.