Utente 220XXX
Egregi Dottori,

vi disturbo un'ultima volta perché ultimamente spesso mi capita di sentire una strana e molto intensa sensazione di debolezza al cuore, come se faticasse a battere, mi sento come svuotata, ma non parlo di extrasistole, è una sensazione che può durare anche varie ore, mi sento come se il cuore dovesse fermarsi e se avessi il battito molto debole, con anche senso di svenimento e debolezza, anche da seduta.

Premetto che negli ultimi mesi ho eseguito ecocardiocolor doppler, ecg, visite cardiologiche e holter 24h, tutto nella norma, a parte minimo prolasso mitralico dalla nascita.
Sono normopeso, pressione tendente al basso ma sempre avuta così e non sono mai svenuta in trent'anni.

Volevo chiedere un Vostro parere sulla base della vostra esperienza, se questa brutta e intensa sensazione che ho da qualche settimana di cuore debole come se si dovesse fermare e senso di svuotamento e svenimento può indicare una qualche problematica cardiaca oppure anche solo uno stato di ansia.
A volte il fatto di alzarmi dalla sedia mi dà ancora di più la sensazione che il cuore si fermi, ma può farmelo anche quando sono tranquillamente seduta.
Ovviamente quando mi sento così tendo a sentire il battito o nel petto o sul collo, e a volte lo sento effettivamente appena accennato, debole, e molto lento, ma forse è normale che sia così, non saprei (ora ho 63 battiti al minuto, a volte vado anche sotto i 60, ma non mi hanno mai diagnosticato bradicardia).

Vi ringrazio come sempre e vi porgo un caro saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Cara signora,

scorrendo i suoi precedenti, lei ha chiesto un consulto per sintomi più o meno simili già una decina di volte (rivolgendosi ora ai cardiologi, ora ai neurologi....) e più e più volte le è stato detto che si tratta di somatizzazione di ansia. Concetto confermato anche dagli psicologi.

Non è continuando a riproporre le stesse domande (o a ripetere esami già risultati negativi) che la diagnosi cambierà.

Ascolti di meno il suo corpo e cerchi di rilassarsi.