Utente 140XXX
gentilissimi dottori. se scrivo è perchè ho ancora speranza che qualcuno di voi sappia ascoltare e possa comprendere. chiedo solo attenzione per qualche istante.
ho richiesto più consulti. sarebbe inutile ripetermi ancora. ho fatto tanti controlli tante visite ed assunto tanti farmaci senza trovare risposte. nella mia città mi hanno persino mandato da un neurochirurgo. se chiamo e quando chiamo i medici mi dicono che devo stare tranquillo. ma come posso stare tranquillo se non mi sento bene? se convivo con dolori addominali, a volte blandi, a volte intensi e scariche diarroiche(da una a tre di media?) raramente e per pochi giorni riesco ad avere feci formate. a voltre trovo sangue, lo faccio presente e mi rispondono che non mi devo preoccupare perchè è legato al quadro emorrodario avendo fatto l'ultima colon a novembre dello scorso anno.
sino ad oggi ho cercato di contenere i dolori con debrum o spasmomen somatico. il medico di base mi ha detto di sospendere perchè potrei avere problemi alla prostata,ilgastro dice che se mi giova che posso continuare a prenderlo per tutta la vita. la medicina è un opinione? cosa posso fare? devo vivere cosi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore

il problema fondamentale è che via internet tutti noi medici siamo disposti ad "ascoltare e comprendere " dandole tutta l'attenzione che il suo caso merita. Tuttavia, come più volte Le è già stato detto
"...la terapia va personalizzata dal medico che può direttamente visitarla."
"...i sintomi, vanno trattati con sintomatici (come è norma nel colon irritabile)
che non possono esserle prescritti online ma da un medico "sul campo".
"... farmaci sintomatici di vario tipo (antispastici, antimeteorici, antdiarroici, etc.) che andranno "personalizzati" dal suo prescrittore, sia esso il suo curante che lo specialista Gastroenterologo"
"... Parlare con il suo gastroenterologo credo che sia la cosa più opportuna."
quindi via internet ... non possiamo proprio fare di più per lei !

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
rigraziandola per la sua risposta egregio dottore io le ripeto di essere stato ed aver fatto numerose visite purtroppo infruttifere, visto che la situazione non è mai migliorata. Da qui la necessità di una rivalutazione complessiva oppure di un opinione generica ma non precostituita sul mio soggetto. capisco che sia difficile dare consigli, ma si potrebbe anche cercare di capire che un effetto sia dipendente da una causa, e questa causa và trovata e non camuffata sempre con risposte di circostanza del tipo "lei ha il colon irritabile" sempre comunque e dovunque sol perchè le terapie e le visite pare bracolino nel buio. mi scusi lo sfogo, ma se mi sveglio ed appena mi sveglio non può essere che come si aprono gli occhi ho dolori e tutto ciò che ho ampiamente raccontato e scritto. inoltre il colon irritabile non da sanguinamento. inoltre se pago vorrei essere considerato e non abbandonato accanto al banco di una farmacia a prendere fermenti lattici , mesalazina, budesonide, buscopan e via discorrendo.
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
sono pienamente d'accordo con lei ma via internet tutti noi non possiamo fare di più !
[#4] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Lei dunque caro dottore conviene con me che non si tratta di disturbi funzionali? A chi dovrei rivolgermi se qui in provincia ed anche oltre sono già stato? Purtroppo non conosco altri Gastroenterologi e quindi non saprei da chi andare
[#5] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
concordo con lei quando sostiene la "... necessità di una rivalutazione complessiva oppure di un opinione generica ma non precostituita sul mio soggetto. capisco che sia difficile dare consigli ... " ma non posso dire se si tratta di disturbi funzionali o meno solo da una, seppur particolareggiata, descrizione. Per ogni diagnosi è necessaria una visita ed eventuali esami diagnostici chiarificatori. Nel suo caso è fondamentale il rapporto con il suo medico curante che, oltre a conoscere lei è in grado di fornirle indicazioni su strutture e specialisti della sua zona di residenza "ed oltre".

Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimo dottor nardacchione l'oltre di cui parla ha per me il sapore di sconfitta per me e per la medicina in generale che il mio medico di base definisce scienza non esatta. Erra se crede che nn abbia dialogato con il mio curante, erra se pensa che la mia situazione non sia stata presentata con il suo abito migliore ad ogni specialista consultato. Per il mio medico di base" abbiamo girato a lungo e in largo". Di Gastroenterologi le ripeto.... Ne ho consultati a bizzeffe. Le dirò di più: egli mi propone di non prendere alcun farmaco e di fare delle visite di natura psicologia. Dicono che devo stare tranquillo ma come faccio a tranquillizzare una cosa che non si tranquillizza? Non è l'ansia che mi genera il disturbo, ma il disturbo che mi genera un'ansia che diventa a volte nervosismo e preoccupazione continua, ossessiva, maledettamente invadente.