Utente 324XXX
Gentili medici,
il mio compagno prova forti dolori ai testicoli quando non eiacula per più di 4 o 5 giorni, e spesso il dolore si presenta anche in seguito all'eiaculazione.

Due anni fa doveva essere operato di varicocele ad entrambi i testicoli; per motivi di lavoro non si è potuto sottoporre all'operazione e mesi fa, quando ha rifatto gli esami preliminari per procedere con l'intervento, gli è stato detto che il varicocele era rientrato e non era più necessaria l'operazione.
Dagli ultimi esami infatti il varicocele (che 2 anni fa era di III grado) è risultato di I° grado e anche le urine e lo spermiogramma erano nella norma.

Esistono per caso altre patologie a cui possiamo attribuire/collegare tale disturbo?

O è forse possibile che il problema derivi da comportamenti ormai abituali, come il fatto di avere sempre rapporti con coito interrotto (anche quando usiamo il profilattico) e quindi dal fatto che lui debba sempre in qualche modo frenare l'orgasmo e di conseguenza, secondo me, non svuotare completamente i testicoli del liquido seminale?

Può esserci anche una qualche componente psicologica scatenante?

Questo problema sta influenzando la nostra vita sessuale inquanto io a volte mi sento quasi costretta a soddisfarlo (non riesce a raggiungere l'orgasmo con l'automasturbazione) e lui si vergogna molto per il fatto di farmi pressioni. Questo toglie spontaneità e impedisce a entrambi di vivere con naturalezza la nostra sessualità.
Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.ma utente

premesso che un varicocele di grado III° non può regredire spontaneamente al grado I°, ma può essere solo dovuto ad uno sbaglio nella diagnostica, il dolore testicolare potrebbe essere dovuto dalla difficoltà eiaculatoria che il suo partner incontra (... come il fatto di avere sempre rapporti con coito interrotto (anche quando usiamo il profilattico) e quindi dal fatto che lui debba sempre in qualche modo frenare l'orgasmo...) e questo sta determinando situazioni psicologiche che tenderanno ad accentuare la problematica.

Un cordiale saluto