Utente 284XXX
Gentili dottori,ho 22 anni e credo di soffrire di eiaculazione precoce da sempre in quanto i rapporti intra vaginali sono veramente brevi.
Volevo sapere se oltre ai farmaci(tipo inibitori dei ricaptatori della serotonina) esistevano anche altri metodi per curare il problema.Ho letto ad esempio su internet che esistono degli esercizi per rafforzare il muscolo pubococcigeo che guariscono il problema.é una cosa che ha un fondamento?
Ci sono altre soluzioni?
Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
meglio i farmaci, fa prima e ottiene di più. sempre con l'ausilio di uno specialista.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Quindi secondo lei gli esercizi per rafforzare i muscoli sono inutili?perche avrei preferito evitare l utilizzo dei farmaci.grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
gli "esercizi" non sono medicina. a sentire i pazienti che hanno provato i risultati scarseggiano.
cordialmente
[#4] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille dottore.Ma esistono farmaci che curano definitivamente il problema o ci sono solo farmaci che agiscono solo nel rapporto sessuale immediato?ancora grazie
[#5] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
salve.
l'eiaculazione precoce non è una malattia ma una condizione fastidiosa.. coi farmaci si ottiene un certo controllo dei tempi per il periodo in cui si assumono.
cordialmente
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo al Dr Biagiotti nella risposta.

Lei è veramente tanto giovane, forse un approccio un po' più ampio che possa anche approfondire e trattare le cause spesso poliedriche che stanno alla base dell'e.p, sarebbe utile.
La farmacoterapia non è il contro altare di una terapia combinata che analizzi le cause "altre" che hanno creato e mantenuto in vita la disfunzione.

Si rivolga ad un andrologo, a diagnosi clinica effettuata, stabilirà il protocollo terapeutico adatto a lei ed alla sua storia emozionale e sessuale.

Per ogni disfunzione sessuale, dobbiamo sempre analizzare:
i fattori predisponenti, fattori precipitanti ed i fattori mantenenti , più la “storia del disturbo”.

I famosi o famigerati esercizi, avulsi dal contesto terapeutico, psichico e soprattutto relazionale, teatro privato della sessualità, come dice bene il Dottore, non servono a molto....

La sessualità è un essere, non un fare....
Le allego un canale salute sull'ep.




http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce