Utente 274XXX
Buonasera,
Vorrei un parere in merito ai risultati dello spermiogramma effettuato da mio marito qualche fa.
Premetto che lui ha assunto per tre mesi un integratore a base di arginina (fertylor15) per migliorare la situazione e che ha sospeso l'assunzione 40 giorni prima di fare lo spermiogramma.
Ecco qui i risultati:
Volume 4,5 ml(normalità da 1,5)
Liquefazione: fino a 60 minuti (riferimento: 10-60)
Ph: 7,9 (>7,2)
Concentrazione totale spermatozoi 56 M/ml (>15)
Numero totale spermatozoi 225 M (>39)
Motilità rapida progressiva (a): 11%
Motilità lenta progressiva (b) : 11%
Motilità progressiva (a+b) : 21% (>32%)
Morfologia forme normali 28% (>4%)
Concentrazione di spermatozoi funzionali : 16 M/ml
Concentrazione di spermatozoi con motilità rapida progressiva (a) : 6 M/ml
Concentraz di spermatozoi con motilità progress(a+b):12M/ml
Concentrazione di spermatozoi con motilità non progressiva e immobili (c+d) : 44 M/ml
Totale spermatozoi con motilità progressiva (a+b): 46M
Totale di spermatozoi funzionali: 63 M
Totale di spermatozoi con motilità non progressiva e immobili (c+d) : 177 M
Velocità media degli spermatozoi mobili (a+b) : 35 um/sec
Indice di motilità spermatica (SMI) :133728 (>60000)
Leucociti : 3 M/ml
Vitalità 65% (>58%)
Analisi morfologica:
Spermatozoi normali 60
Spermatozoi con morfologia normale della testa 50% (>30)

Gent.mi Dottori, secondo Voi, com'è la situazione? Ci possono essere problemi di fertilità? E possiamo fare qualcosa o intervenire in qualche maniera?
Ci preoccupano i valori sulla motilità..
Grazie per l'aiuto.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,lo spermiogramma,anche se eseguito prescindendo dai consigli proposti dal WHO 2010,evidenzia un modico calo della motilità spermatozoaria.Va sottolineato che l'esame non offra alcun dato biologico circa il potenziale di fertilità del maschio,bensì solo delle indicazioni statistiche che vanno correlate con l'età della moglie,con il tempo da cui si cerca un figlio,con la diagnosi ginecologica e,soprattutto,con la diagnosi andrologica.Ho la sensazione che suo marito non sia stato visitato da un andrologo e che il solo ginecologo si sia preso in carico il quadro clinico della copia,pur prescrivendo una terapia al partner maschile ,senza aver posto una diagnosi…E' il modo migliore per affidarsi al caso,perdendo tempo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore, in realtà mio marito è stato seguito,negli ultimi 5 anni, da 3 diversi andrologi e da un urologo ma non ha mai trovato una risposta a dei fastidi che ogni tanto si fanno sentire ma che a detta dei medici non influiscono con la ricerca di una gravidanza. Lui non si sente soddisfatto e infatti ha preso appuntamento per la prossima settimana con un altro urologo per capire se ci può aiutare. Mio marito lamenta ogni tanto un dolore al testicolo sinistro, dice che è un dolore sopportabile ma fastidioso e lo ha avuto un paio di giorni prima di fare lo spermiogramma. Comunque, lui ha 39 anni e io 34, siamo in cerca di una gravidanza da un anno esatto, a gennaio ero rimasta incinta dopo il primo mese di terapia con arginina (durante la terapia mo diceva di sentirsi meglio con i doloretti) . Poi purtroppo la gravidanza è andata male e ho avuto un aborto spontaneo all'undicesima settimana. Da fine aprile abbiamo "riaperto" la caccia sempre in maniera mirata (ho un ciclo regolare e riconosco bene i giorni fertili) e per ora ancora nulla...so che è presto come tempistiche per allarmarsi riguardo al mancato arrivo di un bebè ma data la mia età sono un pochino preoccupata. Comunque, al di là della ricerca, ciò che ci preme è risolvere i fastidi di mio marito soprattutto per lui e per la sua qualità di vita. Non si sente soddisfatto e seguito abbastanza e alla fine consiglio comune di tutti i medici da cui si è fatto visitare è di evitare gli sforzi, fare il massaggio prostatico ogni volta dopo aver urinato per evitare "ristagni" e quindi infezioni e prendere a cicli l'integratore. Ha fatto anche la spermiocoltura diverse volte ultimamente e in una di queste era uscita a luglio la presenza di enterococcus faecalis ma poi dopo 15 giorni non c'era più..
Mi scuso per essermi dilungata e la ringrazio infinitamente per l'attenzione