Utente 324XXX
Salve,circa sei mesi fa mi sono sottoposto ad un intervento di idrocele. E' stato un intervento diverso dagli altri, dato che a me hanno aperto lo scroto, siccome c'erano altre piccole complicanze da sistemare dovute al fatto che io, come uno stupido, per la vergogna, ho tenuto il mio problema nascosto per diversi mesi. Mi hanno anche detto che mi hanno messo una trentina di punti fra interni ed esterni. Comunque poi si è risolto tutto e l'intervento è andato con successo, la sera stessa ero fuori dall'ospedale e il dolore è andato sempre diminuendo. Però è sempre rimasto un piccolo dolore, che si manifesta periodicamente e ultimamente spesso, quasi impercettibile ma comunque molto molto fastidioso, sia alla ferita, che fra i due testicoli e allo scroto in generale, e qualche volte anche ai testicoli, anche se di meno. Ho letto che si potrebbe trattare di dolore cronico scrotale, ma non è così forte il dolore, cioè, non è come il dolore postoperatorio, molto molto molto di meno. Quindi non so se c'è realmente qualche complicanza oppure è normale che sia così anche dopo sei mesi data la gravità del mio intervento che come ho detto è stato leggermente più complicato rispetto ad un normale intervento di varicocele o idrocele. Vorrei che non mi daste risposte come "è oppurtuna una visita medica", lo so, ma vorrei sapere cosa ne pensate voi personalmente, dato che per adesso sto pensando già a curarmi per altri problemi e questo non voglio metterlo di mezzo. Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Stella
32% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Buonasera,
Fermo restando il fatto che per una diagnosi precisa del suo dolore cronico è necessaria una visita accurata e maggiori informazioni sul tipo di dolore (urente, pungente, trafittivo ecc), appare probabile che durante l'intevento (piuttosto indaginoso) sia stato reciso qualche filuzzo nervoso o sia rimasto incarcerato delle suture. Se ciò è successo il dolore cronico è di tipo neuropatico (accade spesso negli interventi di ernia inguinale). La zona è prevalentemente innervata da un ramo del n. pudendo ed un piccolo ramuscolo può essere stato leso durante l'intervento.
Se il dolore non le crea problemi dato che è di intensità minima lasci perdere non si tratta di nulla di grave, se il dolore dovesse invece peggiorare esistono terapie specifiche per controllarlo.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Il dolore non è intenso ma è persistente quasi per tutta la durata del giorno, è pungente, non ho alcun dubbio, ed è fastidiosissimo, arrivando a volte anche a dolore abbastanza forte. Ma più che altro è fastidioso, molto. Pensa che un'ecografia sarebbe utile per confermare la sua ipotesi o comunque per vedere qual'è il problema?
[#3] dopo  
Dr. Luigi Stella
32% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Buonasera,
L'ecografia non è utile per valutare se si tratta di un dolore neuropatico.
Per avere una conferma può rivolgersi ad un terapista del dolore o un neurologo.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Prima di tutto non sarebbe opportuna una visita dallo stesso chirurgo che mi ha operato? O perlomeno da dei medici che operano nello stesso reparto, che conoscono meglio il mio caso?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Stella
32% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Buonasera,
io pensavo lo avesse già fatto!

cordiali saluti