Utente 709XXX
Gent. Dott.
Sono stata dichiarata celiaca all'età di 41 anni,dopo 2 gastroscopie e una colonnoscopia, circa 9 mesi fa.
Da quando ho cambiato alimentazione, e dopo un periodo di depressione (Adattaziuone all nuova vita), durata circa 3 mesi (mangiavo tutti gli alimenti a me concessi, anche quelli che non mi piacevano, ess. dolci nutella, gelati pasta e pane per celiachi), praticamente non sentivo più lo stimolo della fame e aumentavo di peso circa 2 kg a settimana per un totale di 17 kg in quasi 4 mesi.
Sono alta 1,56 e pesavo 68 kg. Prima di scoprirmi celiaca il mio peso era di 52 kg.
A dicembre,mi do una mossa, smetto di piangermi addosso e cerco di superare la crisi attenendomi ad un regime alimentare correto. Parlo con alcuni dietologi della mia città, ma mi rendo conto che di celiachia ne capiscono molto poco. Ho anche controllato la tiroide e il diabete ho eseguito i test, che perfortuna sono tutti nella norma.
Malgarado tutto non riesco a dimagrire di un etto. A febraio, mi rivolgo ad un medico che mi prescrive delle pillole a cui sono contraia mi raccomando che non mi prescriva sostanze che mi facciano defecare, io ho bisogno di assimilare e di ripristinare tutte le vitamine che negli anni non ho assimilato e mi prescrive delle pillole a base di Aloe, Melilato, Ferro Triac e metformina (sostanche che alla sospenszione ti fanno riprendere i kg persi)e una dieta alimentare senza carboidrati. Dopo una lunga riflessione, decido di farla, almeno per sgonfiarmi un pochino. Ormai mi guardo allo specchio e non mi riconosco, mi sta venendo la depressione.
Dal 19 febraio al 16 giugno, con la dieta ho perso Kg 5.700 mangiando insalata, verdura bollita, uova, carne, pesce. Di fatto, non ho ancora perso neanche una taglia, mi domando se tutto ciò è normale.
Faccio una vita sedentaria, lavoro in ufficio dacanti al pc. inizio a lavorare la mattina alle ore 9 e sto seduta sino a sera alle 20.
Non posso fare un'attività fisica decente per i problemi alla schiena che mi porto dalla nacita, quando posso cammino a piedi e uso le scale al posto dell'ascensore.
Quando ritornerà a posto il mio metabolismo? chi sa dirmi che apporto calorico hanno i miei cibbi, comparti a quelli glutinati?

Sono una persona testarda non assumo più cibbi con glutine da quando c'è stato il sospetto della celiachia, non mangio i miei prodotti in quanto molti di essi contengono olio di colza e di palma, non sono una persona golosa, preferisco le cose salate, mi aspetto da mestessa di perdere i kg in eccesso e tornare nella mia famosa taglia 42 e di eseguire un regime alimentare corretto per persone celiache.
Chi di voi mi può aiutare?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Ettore Vallarino
28% attività
0% attualità
12% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Sembra di capire che la reazione emotiva alla diagnosi di celiachia abbia determinato l'assunzione di una dieta ipercalorica per alcuni mesi i cui effetti si sono sommati ad uno stile di vita sedentario. Se la dieta seguita è rigorosamente priva di glutine è ragionevole ipotizzare che, a distanza di qualche tempo, le capacità assorbenti dell'intestino siano tornate normali. Non c'è alcuna ragione pertanto di seguire un regime ipercalorico allo scopo di inseguire un'ormai improbabile situazione di carenza vitaminica o di altri oligoelementi. Tutto quello che si può consigliare pertanto è di seguire un regime alimentare privo di glutine e ipocalorico (un pò al di sotto del fabbisogno calorico basale e di una modesta attività fisica.
[#2] dopo  
Utente 709XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la sua risposta, è tutto vero ciò che dice,ma alla fine io continuo ad non capire che genere di dieta devo eseguire. Non mi è stata prescritta uan dieta ricca di vitamine, mi è stato solo suggerito un prontuario con degli alimenti vietati e uno stile di vita completamente diverso a quello che seguivo. E' chiaro che ho avuto un attimo di smarrimento (solo 4 mesi!). POi, ho cercato di porre rimedio e da circa 7 mesi. La mattina bevo un cappucino con 1 bustina di zucchero,
pranzo con isalata senza olio e 50g di prosciotto crudo/cotto o formaggi, e frutta
cena: insalata cotta o cruda seza olio (in abbondanza), se capita la fettina di carne o pesce.
Bevo durante il giorno oltre 2litri di the verde o tisane senza zucchero + tutta l'acqua che assumo durante i pasti.
Bene! da 66 kg sono passata a 60.700!!
Questa mi sembra una dieta ben rigida, non mangio nulla di quello che non è inserito nel prontuario, ne cioccolatti biscotti fette biscottate pasta o pane per celiaci, ho saltato il panettone e la colomba, i ghiaccioli mi sono vietati quelli del prontuario sono x me difficili da reperire,niente birra neanche quella con la spiga sbarrata.
Prima o poi mi stancherò di tutto ciò, vorro mangiarmi una pizza o gustarmi uan cena per noi celiaci.
Perchè nessuno ci spiega l'apporto calorico che dobbiamo assumere?
Sono alta 1,55 ho 42 anni conduco una vita sedentaria, cosa devo mangiare?
Sono testarda, riucscirò a perdere gli altri 10kg mancanti, magari facendo i diggiuni e poi? una celiaca come me come si deve nutrire? quali sono le quantità di pasta alla settimana che devo assumere? di pane? ecc. ecc
Mi aiuti lei a capire in cosa sbaglio, lo scoprirmi celiaca mi ha depressa, ma mai come guardarmi allo specchio per 7 mesi e vedermi grassa.
Grazie mille per la cortese attenzione