Utente 133XXX
Buongiorno, proprio ieri mattina mi sono svegliato a causa di un sibilo avvertito all'orecchio destro...mi sono svegliato in maniera abbastanza repentina non per la violenza del suono (come un "ultrasuono" a livello di tipologia di rumore) ma perchè non mi era mai capitato di svegliarmi a causa di "questo fenomeno".
Questo è capitato alle 7 di ieri mattina...poi mi sono alzato e preso dallo spavento ho iniziato ad osservare questo "rumore"...diciamo che se mi concentro attentamente riesco a sentirlo soprattutto quando c'è silenzio...è quasi un rumore "mentale" che lo localizzo all'altezza della fronte al centro della testa praticamente.
Probabilmente è un rumore che potenzialmente avrei sentito anche prima (a volta capitava di sentire qualche fischio nelle orecchie ma non ci facevo caso ed infatti gli episodi erano assolutamente "normali"....cose sporadiche)...ma adesso forse ci sto facendo caso e mi pare di udirlo sempre...devo dire che sto passando un periodo di forte stress lavorativo, ho un problema all'atm sinistra probabilmente causato da una tensione muscolare (visionato da dentista e ORL una settimana fa...nessun problema a livello ORL)...poco fa ho anche preso una forte arrabbiatura ed ho sentito fischiare l'orecchio destro...poi si è fortemente ridotto questo ultrasuono.
Oggi avevo la pressione minima anche piuttosto alta (min 110 max 150) misurata a diverse ore...ora chiedo se, secondo voi, si tratta di acufene (e la cosa mi spaventa molto perchè ho letto che è un disturbo permanente ed irrisolvibile con cui bisogna convivere...) oppure se è più probabile sia un disturbo temporaneo destinato a rientrare col tempo.
Grazie mille per la consueta disponibilità.
[#1] dopo  
Dr. Carlo Govoni
28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Salve, acufene è un sintomo come può essere il dolore o il prurito. E' errato affermare come sostengono alcuni che è sempre irreversibile. Come tutti i sintomi ci sono quelli reversibili e quelli irrisolvibili. Ritengo che l'approccio razionale sia quello di iniziare con una valutazione uditiva, cioè visita orl ed esame audiometrico. L'acufene è la percezione di un suono che spesso non è presente nell'ambiente dove il paziente vive, ma è presente in lui. La prima ipotesi è quella di valutare il suo apparato uditivo. Se questo è perfettamente normale allora si dovranno ricercare le cause extrauditive come pressione arteriosa, apparato masticatorio, turbe cereberali, patologia vascolare, ecc.
Cordialità