Utente 325XXX
Buongiorno.
Dal 2007 dopo una breve uretrite e poco dolorosa, ha cominciato a crearsi sul frenulo del pene un pò di pelle bianca. Ho fatto visita venerologa per escludere malattia venerea, test hiv, e visita dal dermatologo il quale mi disse che si tratta di una forma di cheratosi, e che non creava particolari problemi.
Questa pelle che cresce (tra la fine del frenulo e l'attaccatura del glande) riuscivo a tagliuzzarla leggermente per riportarla a livello, solo che da pochi mesi si è creata una ulcerina che fa fatica a cicatrizzarsi.

Questa è la mia situazione in foto (limitata e rispettosa della privacy in quanto ridimensionata alla sola parte interessata e senza dati nel link): http://i.imgur.com/dVzdbhR.png

Ho utilizzato Connettivina Plus ma senza riuscire a chiudere l'ulcerina completamente.

Non sento il frenulo corto assolutamente, ho 36 anni, se avessi avuto problemi di questo tipo credo me ne sarei accorto molti anni or sono.
Non è capitato questo durante un rapporto sessuale.

Nel frattempo ahimé non sto facendo sesso, se lo facessi userei sicuramente il preservativo.
Ma non capisco se un'ulcerina così qualcuno riuscirebbe a trattarmela o se c'è per forza da agire chirurgicamente, e quest'ultima scelta mi dispiacerebbe in quanto non sento il frenulo corto e non gradirei perdere sensibilità sessuale visto che il frenulo ne da molta.

Grazie.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

l'immagine che ci invia non ci permette di capire la natura della lesione e quindi fare una precisa diagnosi.

In questi casi purtroppo, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.