Utente 324XXX
Gentilissimi Medici e Odontoiatri di Medicitalia,
nella parte posteriore della bocca (molari e premolari) ho vari ponti e capsule. Siccome una delle capsule in metallo-ceramica, presente su un molare dell'arcata inferiore, si rompeva sempre, forse per un problema di mala occlusione, il mio dentista mi ha messo una corona completamente in metallo, senza ceramica, in modo tale che non si rompa più.
Inoltre, altre capsule presenti nella mia bocca, hanno la ceramica in parte non presente (cioè ci sono dei punti in cui la ceramica se n'è venuta e il metallo sottostante è visibile). C'è poi una capsula che appare di colore grigiastro, forse perchè lo strato di ceramica superiore è così sottile da lasciare intravedere il metallo sottostante.
Probabilmente il vostro collega che ha realizzato questi lavori nella mia bocca, non si è preoccupato dell'estetica, trattandosi di denti posteriori, non visibili.
In effetti anche io non mi preoccupo dell'estetica, ma sono molto molto molto preoccupata di questi metalli che ho in bocca, esposti nella cavità orale, e quindi soggetti a tutti gli agenti corrosivi presenti nel cibo (ad es. acidi della frutta, ecc.).
Il mio dentista mi tranquillizza, dicendomi che sono metalli inerti, ma io non mi fido. Ho paura che rilascino ioni metallici tossici, e ho paura di eventuali correnti elettriche endoorali.
Ovviamente mi rivolgerò ad un altro dentista, ma devo aspettare alcuni mesi, perchè ora non ho una disponibilità economica che mi permetta di rimediare a questa situazione.
Nel frattempo scrivo qui, per capire se posso stare tranquilla, oppure è giustificato il mio stare in questo stato di estrema ansia.
Che metalli potrebbero essere quelli esposti nel mio cavo orale? C'è la possibilità che si tratti di metalli tossici, non stabili e non inerti?
E tutte le volte (una decina) che la ceramica si è rotta (prima di sostituirla con una capsula interamente in metallo), posso aver ingerito frammenti, seppur microscopici, di ceramica?
Vorrei sapere inoltre un'altra cosa: c'è un dente del giudizio, che è poi quello rivestito con il solo metallo (senza ceramica), che radiograficamente appare sano, ed ha anche la gengiva apparentemente sana. Ma quest'ultima, da un mese circa, mi fa un po' male e sanguina leggermente se passo sopra lo spazzolino con un po' più di pressione del normale.
Il mio dentista non ha rilevato nulla e si è limitato a prescrivermi un antibiotico ed un antiinfimmatorio, che non sono serviti a nulla. Come non è servito fare la detartrasi e lo scaling. Il dolore devo dire che è leggero e sopportabile, e subentra solo quando uso lo spazzolino. Tuttavia ciò non toglie che il suo persistere è per me fonte di preoccupazione. Se nè la panoramica, nè l'osservazione diretta mostrano segni di infiammazione, quale potrebbe essere la causa?
Spero tanto che vorrete essere così gentili da rispondermi, e spero inoltre che potrete tranquillizzarmi, e non alimentare la mia ansia.
Grazie mille in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
i metalli normalmente usati in odontoiatria sono sostanzialmente inerti e quindi idonei a permanere in ambiente orale.
Altro è il sanguinamento alla gengiva che necessita di una rivalutazione clinica: una seconda opinione, in accordo con la sua decisione di consultare un altro dentista, può essere utile.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Grazie Dr. Ponzi.
Mi permetto di fare un'altra domanda.
E' vero che la zirconia può essere lavorata anche a mano, oltre che dal computer?
Chiedo questo perchè ieri il mio dentista ha verificato se fosse possibile sostituire uno dei ponti in metallo-ceramica con quello in zirconia, ma ha detto che il computer dà esito negativo, nel senso che non è possibile la realizzazione computerizzata, perchè il ponte dovrebbe essere troppo sottile, e il computer non dà questa possibilità. Quindi ha detto che o bisognerebbe alzare tutti i denti con capsule in zirconia, oppure bisognerebbe lavorare la zirconia manualmente.

Allora vorrei sapere alcune cose:

1) Se si vanno a rivestire dei denti sani, seppur molto piccoli, tali denti rischiano di andare in sofferenza per il troppo carico, e quindi poi di infiammarsi e di richiedere prima o poi la loro rimozione?

2) E' vero che la zirconia si può lavorare manualmente, senza computer? O in tal caso sarebbe utilizzato un altro materiale, spacciandomelo per zirconia?

3) Si può avere la garanzia che la zirconia utilizzata sia di ottima qualità, o ci sono alcuni odontotecnici che per risparmiare utilizzano zirconia di dubbia qualità, proveniente da paesi come la Cina? Come si fanno ad avere garanzie?

4) E' possibile che una capsula in zirconia costi solo 400 euro? Io sono paziente del dentista da molti anni, e mi ha detto che mi fa un prezzo di favore. Ma girando su internet, mi pare di aver capito che la zirconia costa, e 400 è un prezzo troppo basso, che non mi dà garanzie sulla qualità del materiale.

Grazie mille in anticipo al Dr. Ponzi e a chiunque altro vorrà eventualmente essere così gentile da rispondermi..
[#3] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
dica al suo dentista di non raccontare favole metropolitane nel 2013, i pazienti sono cambiati e informati.
Rispetto ai quesiti:
1) Se si vanno a rivestire dei denti sani, seppur molto piccoli, tali denti rischiano di andare in sofferenza per il troppo carico, e quindi poi di infiammarsi e di richiedere prima o poi la loro rimozione?

Di base la risposta è no

2) E' vero che la zirconia si può lavorare manualmente, senza computer?
no

2) O in tal caso sarebbe utilizzato un altro materiale, spacciandomelo per zirconia?
si!!!!!

3) Si può avere la garanzia che la zirconia utilizzata sia di ottima qualità, o ci sono alcuni odontotecnici che per risparmiare utilizzano zirconia di dubbia qualità, proveniente da paesi come la Cina? Come si fanno ad avere garanzie?
Bella domanda.......

4) E' possibile che una capsula in zirconia costi solo 400 euro? Io sono paziente del dentista da molti anni, e mi ha detto che mi fa un prezzo di favore. Ma girando su internet, mi pare di aver capito che la zirconia costa, e 400 è un prezzo troppo basso, che non mi dà garanzie sulla qualità del materiale.

Capirà che non è facile risponderle, ma quello che scrive è condivisibile: spesso bisognerebbe dividere il costo che si paga per il numero di anni che si ha la corona in bocca, a vederla così, tanti prezzi economici a prima vista, risulterebbero molto cari perché i lavori durano poco.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Dott. Ponzi, lei è davvero molto gentile. Grazie davvero.
Sospettavo di essere stata un po' presa in giro, e lei me ne ha dato conferma.
Per caso, potrebbe privatamente darmi un nominativo di qualche suo collega, di sua conoscenza, che operi nella mia città, e del quale io possa fidarmi?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Macrì
36% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
[#6] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Dr. Macrì, ringrazio molto anche lei.
Mi permetto di ripetere la mia richiesta fatta già al suo collega: saprebbe indicarmi, tramite e-mail, un odontoiatra che lavora nella mia città, e del quale ritiene che io possa fidarmi?
Per me sarebbe davvero una cosa estremamente gradita ricevere un consiglio.
Grazie.
[#7] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Oltre a voler ricevere un nominativo affidabile, gradirei che mi aiutaste a chiarire qual è lo spessore minimo di una protesi (capsula o ponte) in zirconia integrale.
E' vero che non si può andare al di sotto di un certo spessore, perchè il computer non ne permette la realizzazione? E che quindi in questi casi si debba necessariamente optare per una protesi in metallo-ceramica, almeno che non si vogliano alzare tutti i denti?
Grazie
[#8] dopo  
Dr. Maurizio Macrì
36% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile paziente,
la progettazione dipende dal software che evidentemente ha dei limiti.
Lo spessore minimo dipende anche dal tipo di occlusione ed è finalizzato ad evitare fratture.
Per la mia esperienza , in condizioni occlusali non patologiche , lo spessore minimo può essere anche di 0,3/0,4 mm in occlusione. Normalmente con la zirconia si preferiscono spessori di 0,7mm ed ancora maggiori in corrispondenza dei connettori dei ponti.
Cordiali saluti