Utente 221XXX
Gentile Dottori,
come da titolo vorrei avere delucidazioni circa la possibilità di correggere, per via chirurgia, una circoncisione -a mio avviso- mal riuscita dal punto di vista estetico.

Sono stato circonciso da piccolo (ora ho 24 anni) a causa di una fimosi serrata. Ora, mi ritrovo con esiti cicatriziali antiestetici ed ovviamente permamenti.

Frontalmente si possono notare quelli che vengono volgarmente definiti "salsicciotti" (non così grandi e gonfi ovviamente... sembrano quasi dei micro fibromi penduli! capite quindi che non è nulla di piacevole), mentre posteriormente la zona è fortunatamente liscia, ma si notano le cicatrici verticali lasciate dai punti.
Inoltre il glande risulta -ovviamente- completamente cheratinizzato, presentandosi dunque ruvido e "rugoso".

In occasione di una visita urologica, ho chiesto alla dottoressa un parere a riguardo: Lei sostiene che il tutto non sia "particolarmente brutto", ma che "esiste di peggio". Dato l'imbarazzo non ho voluto continuare e chiedere ulteriori informazioni circa un'eventuale correzione. Però lei ha giustamente sottolineato che il tutto dipende dalla cicatrizzazione -soggettiva- post intervento, quindi che un'eventuale correzione potrebbe anche peggiorare la situazione.


Ora, dato per scontato che non è possibile formulare una valutazione diretta, la mia unica domanda è: quale iter dovrei seguire per capire se v'è margine d'intervento? Visita dall'andrologo? urologo? chirurgo plastico?

Se fosse possibile intervenire, la questione potrebbe essere risolta tramite SSN o solo ed esclusivamente in forma privata?

Grazie per l'attenzione!

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

naturalmente il primo passo è sempre trovare l'andrologo o l'urologo esperto che, valutata la sua particolare situazione post-chirugica, le saprà indicare i margini di un eventuale rimodellamento della ferita chirurgica che lei non sembra tollerare da un punto di vista estetico.

La correzione poi può essere fatta sia in ambito pubblico che privato convenzionato oppure privato "puro".

Dipende molto dalla struttura in cui il collega praticamente lavora.

Un cordiale saluto.