Utente 325XXX
Gentile dottore, nel 2005 mi sono state riscontrate le seguenti patologie; diabete tipo 2, ipertensione arteriosa, ipertrofia ventricolare sinistra (in modo lieve). In questi anni ho seguito le terapie necessarie, sono dimagrito di oltre 50 kg. Da gennaio 2013 ho notato che ho avuto un calo per quanto riguarda i rapporti sessuali con la mia compagna. Non mi riferisco al desiderio, quello c'è sempre! ma alla prestazione, cioè mi capita di non arrivare ad avere una erezione tale da poter avere un rapporto. Ho letto che può succedere a chi è affetto dal diabete. La cosa mi preoccupa perché il problema si presenta spesso, per fortuna non sempre. Mi rivolgo al cardiologo per chiedere un consiglio specifico per quanto riguarda la famosa pastiglia blu, che dovrebbe aiutare a superare il problema dell'erezione. Secondo lei, viste le varie patologie, compresa l'ipertrofia ventricolare sinistra, potrei utilizzare la pastiglia blu o un farmaco simile? oppure è rischioso per il cuore?
Non pretendo una analisi dettagliata perché dovrebbe conoscere le cartelle cliniche etc, però un consiglio sarebbe gradito. Tenga presente che assumo farmaci per il diabete, l'ipertensione, anche se diminuendo di peso è quasi tornata a valori accettabili e quindi non prendo la pastiglia tutti i giorni ma solo se sale di valore, poi la cardioaspirin. Attendo unsuo riscontro, grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I farmaci per il deficit erettivo (DE) quali taladafil, sildenafil, etc, hanno un effetto benfico sul cuore e la circolazione arteriosa.
Vengono anche impiegati in alcune forme di ipertensione polmonare primitiva che colpisce ad esempio piu le donne che gli uomini.
Occorre solo avere cautela el non somministrarli a pazienti che abbiano ad esempio in corso terapie con alcuni farmaci (come ad esempio i nitrati), ma sono in genere ben tollerati.
Ne parli con il suo Medico per una eventuale prescrizione.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dott. Cecchini,
la ringrazio del consulto! i suoi consigli mi sono stati molto utili.
Ne parlerò col mio medico, ma ora so tante cose in più, grazie.

Saluti..