Utente 107XXX
Salve,
sono qui a chiedervi un parere e indicazioni sulle analisi del sangue ritirate quest'oggi,
i valori fuori norma sono:

omocisteina 19
bilirubina totale 1,50
bilirubina diretta 0,32

si fa presente che il colesterolo totale è 160, hdl 48 e trigliceridi 59 quindi nella norma (got e gpt rispettivamente 22 e 52).

emocromo tutto nella norma.
Le analisi sono state richieste dal medico in quanto ho manifestato dei malesseri alla testa tipo lievi sbandamenti senza mai perdere il controllo e dolori ti testa di tipo tensivi.
faccio presente che nel corso del mese ho assunto per 10 gg circa inibitori della pompa protonica per curare i sintomi da reflusso gastroesofageo con cui convivo da circa un anno e mezzo, ed inoltre ho il fauvismo.
Potrebbero queste due fattori aver influenzato i valori alterati indicati precedentemente, oppure non c'è alcuna correlazione e in questo caso come ci si dovrebbe comportare?
Grazie tante in anticipo per le Vs. risposte.
Saluti
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
I valori della bilirubina rappresentano fluttuazione nomn significative.

Quanto all'omocisteina deve correggere al ribasso (semprechè non l'abbia già fatto, visti i valori lipemici da lei forniti) il contenuto in grasso della dieta ed eventuali aspetti comportamentali (fumo, sedentarietà).

Naturalmente ne parli con il suo curante.

Prego
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Salve,
grazie per il cortese riscontro.
Volevo far presente che non sono un fumatore e in quanto alla sedentarietà percorro circa 2 km al giorno a piedi per raggiungere il posto di lavoro, ma che comunque sto 8 al giorno seduto davanti al pc.
Il colesterolo a mia memoria non è mai stato alto, e riguardo la dieta sono già abbastanza attento per via del reflusso a cui ho accennato in precedenza.
Per tale motivo non riesco a spiegarmi tale valore dell'omocisteina, potrebbe essere a suo avviso dovuto al malassorbimento delle vitamine del gruppo B causato dall'utilizzo degli inibitori di pompa protonica a cui faccio ricorso da un anno e mezzo circa a questa parte, non però continuativamente ma occasionalmente nei periodo di riacutizzarsi dei sintomi?
La ringrazio in anticipo del prezioso riscontri e/o consigli.
Grazie.
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Intanto non vedo motivi/segnali di allarme.

Eviti, se possibile e concordemente con il suo curante, l'utilizzo cronico di PPI.
Le allego un link di approfondimento
http://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1677-inibitori-pompa-protonica-ppi-corretto-utilizzo-raccomandazioni.html

Prego
[#4] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta.
Per diminuire il valore di omocisteina quindi è solo sufficiente evitare l'utilizzo cronico di PPI, senza l'ausilio di alcuna terapia farmacologica a suo avviso? Oppure, se indispensabile il loro utilizzo, sarebbe il caso di ricorrere all'utilizzo di adeguati integratori di vitamina B?
Grazie tante,
Saluti
[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Se ha un corretto stile di vita oltre che alimentare non deve preoccuparsi nè integrare.

Prego
[#6] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Salve,
di seguito riporto gli accertamenti eseguiti richiesti dal curante per il valore dell'omocisteina:

acido folico 6,2 (3 - 17,5)
vitamina B12 399 (190 - 1000)

FATTORE II Mutazione G20210A ----- Assente Genotipo Normale
FATTORE V Leiden ------ Assente Genotipo Normale
FATTORE V Mutazione H1299R ------ Presente Genotipo Eterozigote
Gene MTHFR A1298C ------ Assente Genotipo Normale
Gene MTHFR C677T ------ Presente Genotipo Eterozigote

Il curante sostiene che le mutazioni essendo eterozigoti sono trascurabili e sarebbe stato diverso se fossero state omozigoti in quel caso ci sarebbe stata la predisposizione a trombofilia, ed inoltre che non c'è bisogno di alcuna terapia farmacologica.
Posso pertanto chiedervi se è plausibile quanto indicato dal curante, o se sono necessario ulteriori accertamenti?
Grazie in anticipo dei preziosi riscontri.
Saluti
[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
E' plausibile quanto indicato dal curante.

Prego