colpa  
 
Utente 238XXX
Buonasera,

ho 29 anni e da 5/6 mesi ho problemi mandibolari, un dolore sordo alle due arcate con schiocchi in apertura.
Dapprima si dava colpa a un granuloma vicino al dente, poi a un dente del giudizio, infine mi hanno diagnosticato una sublussazione mandibolare.
Sono stato in un centro oggi e mi hanno proposto una placca da mettere di notte con vari aggiustamenti una volta al mese.
Volevo chiedervi, placca o bite notturno, sono la stessa cosa?

Io non so più che cosa fare in quanto ho un dente, il 46, con un piccolo granuloma apicale e il dentista mi dice continuamente di attendere prima di procedere a fare la placca/bite in quanto potrebbe essere quello a darmi problemi.

E se applico la formula, via il dente, via il dolore, risolvo il problema granuloma?

Ho anche delle radiografia che posso eventualmente spedirvi.

Grazie mille.

Cordialità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente,
"E se applico la formula, via il dente, via il dolore, risolvo il problema granuloma?" Si, ma potrebbe essere come tagliarsi un dito per un problema all'unghia.
Il suo problema necessita di un consulto con un dentista gnatologo, esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare: le era stato consigliato in precedenti occasioni in cui si è rivolto al sito.
Pe quel che riguarda bite/placca , che possono essere sinonimi, dire "bite" o "placca" é come dire "pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale (diffido dei preconfezionati che si vendono in farmacia), e consiste nella configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo realizza e lo prescrive: anche il tempo in ore/giorno fa la differenza (personalmente in casi come il suo, prescrivo rigorosamente le 24 ore, pasti esclusi). .
Si faccia ben spiegare, e possibilmente scrivere, dal dentista che la visiterà qual è il piano di trattamento che propone.
Cordiali saluti ed auguri