Utente 325XXX
Egregi dottori
il mio problema è un bruciore intenso post eiaculazione situato nel tratto finale dell uretra cioè dalla prostata fino a metà pene con massimo proprio alla base di esso.
il mio problema persiste da anni ormai.il medico curante anni fa mi disse di non preoccuparmi in quanto potrebbe essere una questione fisiologica.
dopo tanti accorgimenti ho capito che questo dolore mi compare a seguito di attività sessuale intensa.se ho un rapporto a settimana non ho nessun problema!
mi sono rivolto a due urologi per andare a fondo nella questione con esami vari.
ho eseguito a maggio 2013:
-spermiocultura NEGATIVO
-urinocultura NEGATIVO
in seguito dopo il primo consulto urologico e aver scoperto che la mia ragazza ha l hpv ho eseguito due tamponi uretrali in settembre2013:
-tampone germi comuni POSITIVO ad enterococco
-tampone hpv POSITIVO
dopo di che sono andato in un ospedale per analisi strumentali(ecografia alla prostata e vescica) che hanno dato come risultato un leggerissimo varicocele con spermiogramma da effettuare..per l'enterococco secondo l antibiogramma mi è stato presscritto levovanox con vancomicina che aveva sensibilità 0,5.

io vorrei delle risposte che un dottore dovrebbe darmi ma che i due urologi nn hanno saputo darmi e sono:
1.nel caso nn funzioni l antibiotico dovrò tenermi questo enterococco x sempre?
2.è dannoso?
3.il mio bruciore è dovuto all enterococco o è fisiologico in base agli esami fatti?
4.avete qualche consiglio o specialista piu adatto da consultare?
5.la terapia assegnatami dal medico curante secondo voi è valida?(2 capsule da 250mg l'una,al giorno, di levovanox per 6 giorni)
vi prego non ditemi che un urologo potrà darmi queste risposte perche dopo averne consultati due non ci crederò!
vi ringrazio di cuore.
sauti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la terapia mi pare ok, e no vedo il perchè lei si debba tenre quella bestiolina che poio non è tanto dannoso: protegga i rapporti con profilattico, faccia controllare la morosa da ginecologo. Non vedo di qua la parte terminale della sua uretra per cui fatico a darle risposte se il suo bruciore è normale o meno. Gli esami servono a poco in tal caso. Ev. senta un andrologo, ma per intanto faccia terapia a cuor leggero.