Utente 304XXX
Salve,
vorrei sapere se è regolare che la chiusura del forame ovale pervio avvenga SOLO dopo un attacco ischemico?

Il mio dottore dice che se non c'è un neurologo pronto a confermare che la mia atrofia all''encefalo sia dovuta a un attacco ischemico a sè e non al trauma cranico che pure ho avuto in passato, l'intervento non si fa.
Questo nonostante le mie vertigini, il mio mal di testa ferocissimo e costante e di anni.
Io preferirei non dover prendere farmaci per questo ma riparare all''origine.


Voi confermate ciò che ha detto il mio cardiologo che fa sia servizio privato che pubblico?


Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non e' assolutamente vero.
SArebbe come chiudere la stalla quando i buoi sono gia' scappati
Precisiamo che:
- .la pervieta' del forame ovale NON ha niente a che vedere con l' atrofia cerebrale che lei riporta (ma e' sicuro di parlare di atrofia cerebrale? a 25 anni?)
- la pervieta' del forame ovale NON ha alcun rapporto con la cefalea, anche se molte persone inclusi i cadiologi, lo pensino.

La chiusura di un forame ovale con uno shunt significativo PREVIENE le embolie cerebrali. In attesa dell'intervento di chiusura e' opportuno che lei assuma antiaggreganti piastrinici (es aspirina)

Arivederci
-
[#2] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Salve dottore,

l'atrofia localizzata, è proprio scritto così, è stata ritenuta nel referto del radiologo come probabile esisto di una lesione vascolare.
Un chirurgo mi ha spiegata che l'atrofia in genere è dovuta a un mancato afflusso di sangue per svariate cause, quindi suppongo anche una causa ischemica.

Mi è capitato anche una volta, in passato, di star facendo delle cose in assoluta tranquillità e di sentire un forte dollore al petto, non poter respirare nè muovermi e son caduta completamente rigida. Non ho potuto ancora respirare per un po', poi ho ripreso le normali funzioni fortunatamente.

Non so se possa essere collegato.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Per atrofia si intende ben altro e non e' certo caratteristica di una per una persona di 25 anni.
Riporti se vuole con copia ed incolla il referto della TC cerebrale.
Non mi pare inoltre che i disturbi che lei riferisce siano collegati ad una pervieta' del forame ovale.
Rimangono valide le cose ch le ho detto:
- se la diagnosi di forame ovale pervio e' vera (ecocardio e transesofageo, test alle microbolle, etc) il forame va chiuso con un intervento e gia da ora sarebbe imperativa terapia antiagreggante piastrinica specie se, come pare da cio che lei dice, vi siano segni di sofferenza ischemica cerebrale
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Si, ho fatto tutti quei test per il PFO.
la RMN ha evidenziato: sistema ventricolare con asimmetria dei ventricoli laterali per dx maggiore di sx e in regione fronto temporale di dx presenza di area di atrofia localizzata. La lesioni suddescritta appare circondata da gliosi parenchimale. I reparti descritti possono essere compatibili con esiti di pregressa lesione vascolare.
La RMN si e' svolta senza mezzo di contrasto poichè non richiesto.


Vuole spiegarmi cosa intende Lei per atrofia?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Atrofia in medicina significa riduzione del volume e/o delle cellule di un organo.
Se il neuroradiologo ha posto tale diagnosi sulla base appunto come un esito di una lesione vascolare, le suggerisco nuovamente di mettersi in contatto con un centro cardiologico vicino a lei per la chiusura del difetto interatriale. Nel frattempo e' opportuna almeno la terapia con aspirina, proprio vista la sua giovane eta'.
Ovviamente astenersi da pillola anticoncezionale e fumo
Arrivederci
[#6] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio, ultima cosa dottore, il referto dell' ecodoppler transcranico è nella norma per un caso di PFO oppure c'è qualche segno di gravità?

Poligono di Willis completo con flussi basali regolari. L'iniezione di sospensione di microbolle (10ml di emagel + 5ml di aria) produce precoce enhancement e alcuni segnali ad alta frequenza isolati. Alla sospensione del Valsava prolungato si osservano fitte e numerose salve di MES (pattern "shower"). Esame positivo per segni indiretti di shunt.
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No, conferma solo la presenza di un difetto interatriale di una certa entita'.
Lo faccia chiudere.
Arrivederci