Utente 169XXX
Gentilissimi consulenti di medicitalia, vorrei porre un quesito in merito ad una possibile reazione avversa alla levofloxacina.

Credo di aver contratto l'influenza esordita lunedì 4/11 con temperatura attestata a 38,5 gradi, dolori articolari e disturbi gastrointestinali. Mi sono recato dal medico il quale su mia segnalazione di dolore al volto conseguente a sinusopatia iperplastica del seno mascellare sinistro ( diagnosticata un anno fa con tac dal mio otorino di fiducia ), mi ha prescritto levoxacin da 500 mg 1/die per sette giorni. Vengo al punto. Ho subito un brusco innalzamento della temperatura, come presumo tipico da influenza, a 39,5 ed ho proseguito la cura con levoxacin e tachipirina da 1000 mg per controllare la febbre.

Ora, a distanza di tre giorni, la temperatura si è grossomodo normalizzata ( in due momenti della giornata, tarda mattinata e sera, la temperatura tende a salire, ma assumo tachipirina) però dal primo giorno di terapia mi stanno letteralmente consumando dolori che definirei differenti da quelli articolari e che, con tutti i limiti delle mie sensazioni, attribuirei alla sfera dei tendini. In passato ho sofferto di tendiniti, e spesso accuso fastidi legati ad una riduzione degli spazi discali da c4 a c7.

Accuso un dolore toracico che si acuisce con la respirazione profonda e che si irradia fino ai polsi ed alla colonna vertebrale. Non mi consente di dormire e mi porta quasi alla disperazione! Trovo sollievo solo dopo l'assunzione del paracetamolo o con il calore dell'acqua della doccia. Il medico mi ha consigliato di sospendere il levoxacin e così ho fatto dopo la terza compressa, ma i dolori persistono.

Può davvero trattarsi dell'antibiotico? Interrotta la cura rientreranno i sintomi?

Grazie per l'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
con la sospensione dell'antibiotico dopo qualche giorno i sintomi dovrebbero scomparire
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dr. Vannucchi, la ringrazio per la sua cortese attenzione. Le confermo che, come da lei indicato, un giorno dopo la sospensione dell'assunzione dell'antibiotico i sintomi sono regrediti fino a scomparire. Cordiali saluti.