Utente 322XXX
Salve a tutti vorrei un vostro parere. A fine maggio ho avuto un incidente stradale dove ho riportato una frattura del condilo mandibolare dx con 4 punti al mento e sub lussazione degli incisivi superiori. La frattura era composta quindi mi hanno bloccato la mandibola mettendo delle placche ai denti con elastici. Ad ogni controllo mettevo elastici sempre più larghi fino alla completa rimozione delle placche dopo 40 giorni. Fin qui tutto ok a parte la limitata apertura della bocca per essere stata tanto tempo bloccata. Dopo 70 giorni dal trauma ho avuto il colpo di frusta: ho avvertito un senso di calore in fronte e da li mal di testa e una fitta pulsante nella parte sx della testa con parestesia sempre al lato sx del viso. Adesso dopo 3 mesi il mal di testa ce l ho ogni tanto ma dove prima avevo quella fitta ho una sensazione di bruciore e ancora parestesia. Inoltre spesso sempre al lato sinistro all orecchio ho una sensazione di ovattamento. Cosa può essere questo fastidio al lato opposto della
Frattura?? Grazie per una vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
per quanto da Lei riferito é ipotizzabile che il colpo di frusta abbia riacutizzato il quadro clinico della articolazione temporomandibolare sinistra, anch'essa traumatizzata durante l'incidente stradale: consideri infatti che la mandibola é un'osso che si articola con il cranio in due punti. Ha ceduto, con frattura, la parte maggiormente sollecitata, ma anche l'altra ha patito conseguenze, per quanto sintomatologicamente nascoste da quanto occorso destra e da tutto cioè che si é reso necessario fare per trattare la frattura.
Il consiglio é di farsi visitare dal Collega che l'ha seguita per il trauma, al fine si possano escludere nuove problematiche di natura chirurgica (come ritengo probabile riguardo al senso di ovattamento, da approfondire invece la riferita sensazione di bruciore e parestesia) e quindi iniziare un trattamento gnatologico, che consenta ad entrambe le articolazioni di riprendere a funzionare nel modo più fisiologico.
Anche in questo caso il suo chirurgo di fiducia potrà consigliarla in merito.
Cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 322XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la sua risposta! Comunque al prossimo controllo dirò al mio medico questi sintomi. Quindi secondo Lei l orecchio ovattato ha a che fare con la mandibola, invece quel fastidio alla parte opposta può influire la mandibola o il collo?? Potrebbe essere una nevralgia o la sindrome dello strernocleidomastoideo? Grazie per una Sua risposta.
[#3] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Buongiorno
la sintomatologia che Lei riferisce come orecchio ovattato molto probabilmente ha pertinenza con l'articolazione temporo-mandibolare del medesimo lato.
Come precisatoLe invece gli altri sintomi vanno indagati con una valutazione clinica e gli esami ritenuti opportuni: di più in questa sede é impossibile ipotizzare.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 322XXX

Iscritto dal 2013
Grazie ancora per la risposta.. Comunque ho eseguito una rmn encefalo e visita neurologica entrambi negative. Non so se c'è un altro esame da poter eseguire. Alcune volte quando sento questo bruciore automaticamente mi brucia anche l occhio della stessa parte. Grazie per una Sua risposta.