Utente 628XXX
Buongiorno.
Sono stato operato il 12 Marzo 2008 di ernioplastica addominale SX sec. Lichtenstein in anestesia generale (senza nessun esame preoperatorio, ne' vista anestesiologica). Dimesso 4 ore dopo l'intervento anche se lamentavo forti dolori ho avuto per 2 giorni febbre (38.5) ed un notevole ematoma scrotale e alla base del pene, seguito dalla flebite delle vene dorsali del pene.
Per un mese ho preso FANS (Ketoprofene), 2 cicli di antiobiotici (Ciproxim e poi Bassado) e pomata Reparil.
La fase acuta e' stata dopo 3 settimane, con anche priapismo notturno e leggera rotazione/incurvamento del pene (che e' tuttora rimasta)
Il chirurgo che mi operato mi ha liquidato dopo 4 settimane parlando di cicatrice perfettamente chiusa e di complicanze rare ma possibili che sarebbero passate in 15 giorni con il Reparil.
Dato che invece i sintomi peggioravano (flebite, edema e forte dolore addome/scroto/pene) mi sono rivolto ad un chirurgo vascolare che mi ha curato con punture di Seleparina (1 settimana) seguite da un ciclo di Treparin 250mg 1cp per 2 die per 2 mesi.

A distanza di piu' di 3 mesi dall'intervento la flebite si e' quasi risolta ma sono rimasti i seguenti problemi principali:
- Dolore persistente ad inguine, pene ed al testicolo sinistro
- zona insensibile (quasi anestetizzata) vicino al testicolo SX.
- Deficit erettivo, con diminuzione della rigidita' e frequente perdita di erezione durante i rapporti (ho ricominciato solo da un paio di settimane, prima era improponibile per il dolore)
- Infiammazione ed arrossamento del glande (probabile balanopostite)
- Si e' formato un modesto varicocele al testicolo SX (assente in un'ecografia fatta 10 giorni prima dell'intervento)
- Varici, ematomi e parestesie alle gambe e ai piedi

Questi sono i principali esiti di 4 esami specialistici da me effttuati:
[11-04-08] Ecografia addome-pene-scroto con ecodoppler scrotale
I vasi venosi del plesso pampiforme di sinistra sono modestamente ectasici con calibro massimo in stazione eretta e durante manovra di Valsalva di circa 1,6 mm senza reflusso.
Modesto ispessimento tuniche vaginali del pene. Esiti di intervento di plastica erniaria con ispessimento ed edema delle parti molle sottocutanee. Modesto ispessimento del funicolo spermatico con congestione vascolare. Formazioni linfonodali di significato reattivo di diametro massimo inferiore al centimetro

[23-04-08] Ecodopler dinamico penieno
Erezione: rigidita' 70% Velocita' di picco sistolico nelle arterie cavernose: 37.8 cm/sec a destra; 70.5 cm/sec a sin. Valori di flusso nell'arteria cavernosa SIN Regolari, Border-Line a DX.

[27-05-08] ECD arti inferiori
ectasie venose e venulari diffuse agli arti inferiori. Consiglio: uso di moderata contenzione elastica. Terapia a cicli di due o tre mesi con tegens 160 mg 2 cp/die.

[06-06-08] Ecografia addome-pene-scroto con ecodoppler scrotale
I vasi venosi del plesso pampiforme di sinistra si confermano modestamente ectasici con calibro massimo in stazione eretta di circa 2,4 mm con modesto reflusso non persistente
Formazioni linfonodali di significato reattivo e di diametro massimo di 1 cm. Non ancora scomparsi i segni di edema delle parti molli sottocutanee in regione inguinale sin. con modesto ispessimento del funicolo spermatico. Ridotto il modesto ispessimento delle tuniche vaginali dorsali del pene

Domande:
in base all'esito dell'ultimo esame del [06-06-08] a quale tipo di specialista mi conviene rivolgermi? Tutti i sintomi (dolore addominale e al testicolo) e gli esiti degli esami (varicocele, linfonodi reattivi, arteria cavernosa con flusso Border Line...)sono da correlare all'intervento? Potranno regredire con il tempo? (Quanto?) O forse anche peggiorare?

Ringrazio in anticipo quanti avranno la gentilezza di rispondere.

Federico

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Simone Carulli
24% attività
4% attualità
8% socialità
TREVIGLIO (BG)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
penso che il suo caso sia di competenza specialista urologo ed andrologo.
Rivolga la sua domanda alle sezioni specifiche e troverà delle risposte più appropriate.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 628XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio del consiglio, faro' come dice. Comunque ho dimenticato di dire che ho 41 anni.