Utente 273XXX
Buonasera, vi scrivo per mio padre. 61 anni, 95 kg per 175 cm, fumatore. Nel 2010 è stato sottoposto ad angioplastica coronarica.
Purtroppo non esegue alcun controllo dal dicembre 2010.
Questa sera verso le 19 ha accusato un po' di nausea e nessun malessere fisico.
Nessun affanno, nè dolore toracico, nè altri sintomi che farebbero pensare a qualcosa di cardiologico.
Preoccupato, gli ho misurato la PA che risulta come sempre, ovvero 115/75 mmHg.
Ci tengo a precisare che nella gastroscopia dell'anno scorso a mio padre è stata diagnosticata un ernia jatale.
Questa nausea è durata cinque minuti e adesso gli è passata.
Devo preoccuparmi? Se la nausea persistesse tutta la serata o iniziasse a vomitare, mi consigliate di portarlo in ospedale?
Mio padre è molto allergico ai medici per cui sono molto apprensivo.
Tra l'altro lui dice di sentirsi in forma anche perché sta seguendo una dieta, calando già di 15 kg.
Grazie.

Farmaci che assume:

Ore 8, mezza compressa di Seloken 100
Dopo pranzo, DuoPlavin
Ore 16, Unipril 5 mg
Ore 20, mezza compressa di Seloken 100
Ore 21, Ranibloc
Ore 22, Torvast 40 mg

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se suo padre ,di 61 anni dopo tutto cio che lei narra continua fumare significa che non ha voglia di vivere.
Tutto qui
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Caro Dott. Cecchini, ha perfettamente ragione in merito al fumo di sigaretta. Purtroppo mio padre è un caso umano. Ha un glaucoma cronico che lo ha costretto a terminare la sua attività di agente di commercio, poi da un anno e mezzo ha smesso di lavorare definitivamente, per cui si è barricato in casa in preda ad una profonda depressione e senso di sconfitta.
Secondo lui se si deve negare anche una sigaretta, tanto vale morire. È un ragionamento assurdo, ma quando penso alla sua condizione lo capisco.
Adesso non accusa più nausea. A suo parere può essersi trattato di un fenomeno di origine cardiaca o gastroenterelogica?
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La cosa piu verosimile e' che si sia trattato banalmente di un problema gastroenterologico transitorio
Arrivederci