Utente 274XXX
Circa un anno fa (dopo oltre 20 anni di solitudine) ho avuto una defaillance sessuale con la mia nuova compagna e da allora mi è rimasta la paura che la cosa possa ripetersi. Le cose sembravano andare bene ma da un pò mi ritrovo con una forte ansia se penso a fare sesso con lei e, ultimamente ho anche un certo calo del desiderio.
La situazione si sta facendo davvero imbarazzante e non so come risolverla dato anche da una visita andrologica ed esami effettuati è risultato tutto nella norma.
Continuo a chiedermi il motivo di tutto ciò ma soprattutto continuo a pormi delle domande alle quali non sono capace di rispondere:
alla mia età (50 anni) ogni quanto può essere normale avere rapporti sessuali?
cosa può provocare un improvviso calo del desiderio?
un forte periodo di stress può influenzare il rapporto?
esistono rimedi per superare il mio disturbo?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,se è stata posta una diagnosi andrologica che testimonia uno stato di potenziale benessere sessuale,basata su indagini ormonali,vascolari,prostatiche,ed obiettive,credo che la convenga condividere la sclelta terapeutica basata sull'assunzione di farmaci proerettili da assumere prima dell'incontro sessuale.Se dovesse procrastinarsi il disagio,ritengo che consultare uno psicosessuologo sia no alternativo,bensì sinergico.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dr. Izzo, prenderò in considerazione il suo consiglio e ne parlerò subito con il mio medico, tuttavia credo che mi sarebbe utile se qualcuno potesse rispondere alle altre mie domande.
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'eta' non e' un fattore ostativo per una serena vita sessuale.La mancanza di continuita' di una vita sessuale basata non sull'incontro programmato,bensi' sulla convivenza,puo' incidere in maniera decisiva sulla padronanza della funzione.Va da se che lo stress possa giuocare un ruolo ma,per quantizzare l'impegno psicologico,la necessita' di porre una diagnosi e' assoluta,considerando le risorse terapeutiche di cui disponiamo.Cordialita'